QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 18°31° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 15 settembre 2019

Attualità venerdì 27 gennaio 2017 ore 10:30

Gli studenti ricordano la Shoah

Studenti di Montang durante un loro reading

Gli allievi del Carducci celebrano il Giorno della Memoria con reading e incontri per riflettere sulla tragicità di quei fatti storici



VOLTERRA — Varie le iniziative in programma al Carducci di Volterra per celebrare il Giorno della Memoria, il 27 Gennaio, data individuata a livello internazionale al fine di commemorare le vittime del nazismo, dell'Olocausto e di chi, a rischio della propria vita, ha protetto i perseguitati, con l’intento di non dimenticare la tragedia della Shoah, dello sterminio del popolo ebraico.

Nella sede centrale dell’Istituto gli studenti del laboratorio di scrittura creativa “Montag” saranno protagonisti del Reading “Parole nella notte”. Leggeranno, agli allievi dei trienni del licei Classico, Scientifico e delle Scienze Umane, testi scritti da loro stessi, cercando di calarsi nella prospettiva e nei panni dei carnefici, degli aguzzini, dei kapò, dei sonderkommando, interpretando così “i loro possibili demoni, la loro colpevole ottusità, le loro perverse ideologie, i loro fantasmi” (dalla presentazione del reading).

Hanno tratto spunti di riflessione dalla lettura di opere come Il caso Stangl di Dominique Sigaud, Shoah di Claude Lanzmann, La notte di Elie Wiesel, Nero latte dell’alba di Paul Celan, L’ultimo ebreo di Chil Raichman e La banalità del male di Hannah Arendt. “Ascoltare, leggere, scrivere come antidoto alla superficialità e all’oblio” è il messaggio profondo che gli studenti che partecipano a “Montag” vogliono lanciare.

Contemporaneamente, presso la sede del Liceo Artistico, la professoressa Martina Mengoni terrà un incontro, con le classi del triennio, per presentate la vita e le opere di Primo Levi a cui quest’anno è stato dedicato il “treno della memoria”, organizzato dalla Regione Toscana. La docente ricostruirà e racconterà il tentativo di Levi di stabilire un dialogo, nei decenni dopo Auschwitz, con i suoi lettori tedeschi.

Altre classi hanno partecipato all'inaugurazione della mostradel fotografo Paolo Croci di Venezia, allestita in Palazzo dei Priori dal 23 gennaio al 6 febbraio, che delinea un viaggio attraverso i luoghi della morte, i silenzi e la crudezza dei campi di sterminio.

Tutte le classi, infine, raccogliendo l’invito del Dirigente Scolastico, professor Gabriele Marini, saranno coinvolte in diverse azioni curricolari tese a sensibilizzare gli studenti dell’intero Istituto alla problematica del razzismo, dell’intolleranza razziale e dell’intolleranza verso qualsiasi forma di presunta diversità che ha portato all’Olocausto durante la seconda guerra mondiale e a veri e propri genocidi e ad azioni violente anche in periodi cronologicamente più vicini a noi e nella nostra stessa epoca.

Obiettivo fondamentale è rendere gli studenti sempre più capaci di distinguere il bene dal male partendo dall’approfondimento di ciò che è stato e vedendo il Giorno della Memoria non come momento di commemorazione in sé, bensì come occasione per riflettere partendo dalla tragicità e dal male di quei fatti storici.



Tag

'Chi non salta comunista è', i cori dei giovani della Lega a Pontida mentre parla Salvini

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Politica

Attualità