Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA11°23°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Cultura giovedì 13 aprile 2017 ore 06:30

I vini etruschi che non piacevano ai Greci

Nei primi secoli avanti Cristo Elleni e Romani criticarono la produzione enologica dei Rasenna, sostenendo la superiorità dei propri prodotti



VOLTERRA — Dal Barolo piemontese al Moscato siciliano, dal Chianti toscano al Greco di Tufo campano, ogni angolo d’Italia è attraversato da vigneti e produzioni prestigiose di vino.

Dibattiti e polemiche per stilare la classifica delle migliori etichette sono all’ordine del giorno e coinvolgono esperti e appassionati del settore sia in ambito internazionale sia locale. Tendenza che non riflette un fenomeno unicamente moderno, ma che era già presente in epoca antica. Nei primi secoli avanti Cristo, infatti, un acceso contenzioso animava i viticoltori elleni e romani che rivendicavano il primato della propria produzione enologica rispetto a quella degli Etruschi. Con malcelato campanilismo, sostenevano, infatti, che il dolce nettare degli dei, ricavato dai vigneti del sud Italia e della Grecia, fosse qualitativamente superiore rispetto a quello dell’Etruria.

Disputa che, a distanza di millenni, anticipa i conflitti regionali che caratterizzano, ancora oggi, il bel paese. 

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un nuovo caso registrato a Pomarance e altri sette in comuni del versante "Valli Etrusche". I numeri dei vaccinati sulla zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Politica