Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:30 METEO:VOLTERRA17°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 21 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «La censura in Rai è un problema che riguarda tutti»

Attualità mercoledì 22 febbraio 2023 ore 19:30

Invaso di Pian di Goro, "Adesso basta ritardi"

Il fiume Cecina

I vicesindaci di Pomarance, Volterra e Cecina chiedono di intervenire il prima possibile per realizzare l'infrastruttura, anche con un commissario



VOLTERRA — Il tema dell'invaso di Pian di Goro unisce Pomarance, Volterra e Cecina. I tre vicesindaci dei tre Comuni, ovvero Nicola Fabiani, Davide Bettini e Antonio Giuseppe Costantino, hanno infatti firmato una nota congiunta sull'importanza di proseguire verso la sua realizzazione.

"Da anni le nostre amministrazioni comunali stanno lavorando per sensibilizzare e sollecitare tutti gli attori istituzionali - hanno scritto - aver ottenuto un finanziamento di circa 600mila euro da parte del Ministero delle Infrastrutture è stato un passo fondamentale. Il definitivo superamento del progetto del cavo di Puretta e gli importanti interventi eseguiti da Asa hanno permesso lavori di efficientamento e reperimento di nuove risorse idropotabili con l’interconessione degli acquedotti tra Bassa e Alta Valdicecina, mettendo per il momento in sicurezza il sistema".

"Il progetto di fattibilità dell'invaso è stato inserito tra le prime azioni strategiche del Contratto di Fiume Cecina, firmato pochi mesi fa, con lo scopo di migliorare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica della valle - hanno proseguito - accelerare sul progetto di fattibilità già finanziato è determinante: il ritardo accumulato dagli enti preposti non è più accettabile. La realizzazione di una grande opera come questa va valutata nella sua sostenibilità e utilità a scala di bacino e in una nuova visione complessiva della gestione degli ecosistemi fluviali".

"Come indicato anche da Legambiente, serve una strategia nazionale per rendere il nostro Paese più resiliente alla crescente siccità - hanno specificato - dai dati sulle precipitazioni e temperature risulta che la Valdicecina sia una delle realtà più esposte ai cambiamenti climatici. La valle è inoltre tra le aree più attenzionate sugli impatti sulla vegetazione causate dalla crisi climatica in corso. È urgente capire come rendere il territorio maggiormente resiliente".

"Naturalmente, le grandi opere non bastano a risolvere tali problematiche, ma serve un approccio completamente nuovo nella gestione e allo sviluppo dei territori - hanno concluso - la fattibilità dell’invaso di Pian di Goro si configura quindi come un progetto strategico regionale e pertanto chiediamo alla Regione e all’Autorità idrica toscana di attivare urgentemente un tavolo dedicato, valutando anche la nomina di un commissario straordinario".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La prima tranche di interventi richiederà un esborso di mezzo milione. Angori e Santi: "Per chiudere questo cantiere serviranno circa due mesi"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità