comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°31° 
Domani 17°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 09 luglio 2020
corriere tv
Incontro con il centrodestra, Conte cita Moretti: «Ricorda un po' ‘Ecce Bombo'...mi si nota di più a Chigi o a Villa Pamphilj?»

Politica venerdì 04 novembre 2016 ore 14:25

"La Regione contribuisca al recupero dei graffiti"

I consiglieri regionali Mazzeo, Nardini e Pieroni annunciano una mozione per chiedere alla giunta di mettere in sicurezza l'opera di Nannetti Nof4



VOLTERRA — "I graffiti di Nof4 sono parte del nostro patrimonio storico e culturale: non possiamo assolutamente permetterci di abbandonarli all'incuria o, ancora peggio, lasciare che siano danneggiati da atti vandalici". Con queste parole i consiglieri regionali Pd Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni chiedono alla Regione Toscana di partecipare al restauro dell'opera di Nannetti all'interno dell'ex manicomio di Volterra finita al centro di vandalismi alcuni giorni fa.

I consiglieri chiedono imminenti operazioni di ripristino e di messa in sicurezza. "Porteremo la questione in Consiglio regionale - annunciano Mazzeo, Nardini e Pieroni - e attraverso una mozione chiederemo che la Regione Toscana contribuisca economicamente al recupero del graffito, confermando sensibilità e cura per i nostri beni artistici. Lo facciamo auspicando che anche il Comune di Volterra faccia la propria parte, come preannunciato dal sindaco. Questa nostra attenzione - aggiungono i consiglieri - è volta a dare sostegno anche al lavoro portato avanti dalla onlus Inclusione Graffio e Parola di Volterra che da tempo propone di preservare e valorizzare questo bene. Oreste Fernando Nannetti si firmava Nanof, Nof o Nof4; si definiva astronautico ingegnere minerario, colonnello astrale, scassinatore nucleare. Potente la carica emotiva dei suoi graffiti che, successivamente alla sua morte, avvenuta nel 1994, furono definiti capolavori dell’art brut. Graffiti che consideriamo un segno indelebile della vita nei manicomi. Le opere di Nannetti mantengono attuale la memoria di quei luoghi: il dolore, la sofferenza, il bisogno di libertà. Per tali motivi - consludono i consiglieri regionali - è giusto che siano anche le istituzioni regionali a farsi carico della manutenzione di queste opere d’arte, che rappresentano un pezzo di storia del nostro Paese".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità