Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità martedì 19 settembre 2017 ore 14:00

Legarsi alla montagna rievocato alla Biennale

Il lavoro di Maria Lai, che ha ispirato la performance "La Ferita - Rapsodia per Volterra" realizzata nel 2014, è stata ricordata a Venezia



VOLTERRA — La performance La Ferita - Rapsodia per Volterra, realizzata nel 2014 come riflessione dolorosa per il crollo delle mura della città, si è stata ispirata al lavoro di Maria Lai, Legarsi alla montagna. L’opera dell’artista sarda, ricordata questo anno alla Biennale di Venezia, è stata ideata nel 1981 per ricordare la tragedia di Ulassai, sua terra di origine. Nel 1861, infatti, il paese subì la caduta di un costone del monte sovrastante che provocò la morte di tre bambini. Da questo episodio nacque l’idea di abbracciare il paese con un nastro azzurro che fu trovato, secondo la leggenda, nella mano di un bambino sopravvissuto.

La performance volterrana, diretta da Armando Punzo e dagli Archivio Zeta registi della Compagnia Logos, formata da oltre 30 cittadini, ha richiamato attraverso il nastro rosso, la necessità del legame e dell’unità delle popolazioni di fronte alle difficoltà.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La maggior parte dei contagi si è verificata tra i giovani, 28 tra bambini e adolescenti. I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

CORONAVIRUS

Cultura