QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12°16° 
Domani 12°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 19 maggio 2019

Attualità sabato 15 ottobre 2016 ore 10:00

Dario Fo e le mura volterrane

Dario Fo

Il premio Nobelfu uno dei primi a mobilitarsi dopo il crollo del 2014. Manifestò il suo sostegno in favore della città e dei suoi abitanti



VOLTERRA — “Siamo tutti volterrani!” Con queste parole il Premio Nobel Dario Fo, a seguito del crollo delle mura medievali, manifestò il suo sostegno in favore della città e dei suoi abitanti. Il grande artista, infatti, fu uno dei primi a mobilitarsi dopo l’episodio del 31 gennaio 2014. Il legame tra il poliedrico autore di Mistero Buffo e la città era, però, antico.

Non solo per la sua presenza attoriale in piazza dei Priori, nel luglio 1977, ma anche per l’entusiasmo che aveva suscitato in lui, fin dalla prima visita, la città così intatta ed equilibrata nell’aver conservato i caratteri della sua storia. E fu proprio la consapevolezza del valore artistico del Teatro Romano che lo spinse a prendere a calci il cancello di sbarramento della struttura che ne impediva l’accesso.

La sua rabbia, per l’incuria e la miopia di chi avrebbe dovuto valorizzarlo, era dettata dalla volontà di sottrarlo allo stato di decadenza e di umiliazione nelle sue potenzialità, in cui al tempo si trovava.

Il drammaturgo, infatti, assieme a Franca Rame, portò avanti la sua battaglia per riportare il teatro alla sua funzione primaria: quella di produrre spettacoli; come testimoniano le loro parole: "Questo è il momento di tornare a informare la popolazione sullo straordinario tesoro che hanno sotto i piedi. Un teatro romano che hanno da restaurare, rendendolo vivo recitando e danzando, in quel nuovo spazio antico e risorto".

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Politica

Attualità