Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:VOLTERRA17°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 30 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, nuovo blocco del Gra. Per fermare il taxi l'attivista salta sul cofano: «Scendi o ti sfondo»

Attualità domenica 29 maggio 2016 ore 15:26

Cordoglio volterrano per la morte di Albertazzi

Giorgio Albertazzi

Tra gli altri Migliorini e Pantani hanno ricordato il regista che era anche tra i firmatari dell'appello per salvare il Festival del Teatro Romano



VOLTERRA — Il comico Ubaldo Pantani e il direttore del Festival del Teatro Romano Simone Migliorini hanno ricordato Giorgio Albertazzi scomparso ieri a 92 anni. 

Migliorini ha postato delle foto insieme ad Albertazzi che era uno dei firmatari, insieme a Dario Fo e tanti altri, dell'appello per salvare il Festival internazionale del Teatro Romano.

Accanto a Migliorini anche Pantani. Il comico e personaggio televisivo di Ponteginori aveva lavorato a lungo con Albertazzi e ha scritto un lungo ricordo su Fb: "Dopo Freak Antoni oggi se n'è andato un altro pezzo della mia vita. Artistica, certo, ma chi fa questo lavoro sa quanto quella privata e quella artistica si sovrappongano e si alimentino a vicenda. Ho conosciuto Albertazzi a Volterra, grazie all'amico Simone Migliorini. Per 5 anni ho partecipato ai suoi stage estivi. All'epoca, sapevo a malapena chi fosse il Maestro, la ram del mio cervello era occupata quasi del tutto dal calcio e dal punk rock. Conoscevo molto più le gesta di Tivelli del Foggia che non quelle di Troilo e Cressida. Alla parola Squillo associavo Jo e le Kandeggina Gang e non certo quello dell' "angelica tromba". Mi ha scoperto attore. Mi disse "...se vuoi, puoi farlo questo lavoro". Che detta così può sembrare un po' come "fallo, tanto uno più o uno meno..." ma chi lo conosceva sa quanto fosse preziosa quella sentenza. L'ultima volta che l'ho incontrato, premisi "Maestro, non si ricorderà di me...". "Non mi ricordo i nomi ma le facce. Hai il viso etrusco, Volterra", mi disse. "Sì, Maestro". E così da quel giorno anche per togliermi dalle diatribe campanilistiche Pisa-Livorno, mi definisco etrusco. Un vezzo e una comodità per ogni sviluppo di vita. Gli etruschi del resto, non si sa da dove sono venuti e come se ne sono andati. Un alibi perfetto per chi vive in questi tempi incerti. Albertazzi era bello, spietato, sempre innamorato. Un attore. Ma a differenza di quasi tutti, mostruosamente bravo. Mi ricordo ogni parola che ha detto, ogni spunto di riflessione, ogni monito, soprattutto sull'amore. Ogni volta che la penserò Maestro, metterò le mani a tettoia sulla fronte, come a scrutare l'orizzonte, come feci a Fiesole a teatro. Per guardarla meglio e capire cos'è la recitazione, la vita, l'amore. "L'amore è eros", diceva. Forse sì, Maestro. Il resto, temo, è tutta trippa per psicologi.

R.I.P.

Un allievo"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ancora un dato giornaliero a due cifre per quanto riguarda i contagi di coronavirus Sars-Cov2 sul territorio. I numeri per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Attualità