Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:03 METEO:VOLTERRA20°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Blitz dei Nas nei parchi acquatici, chiuse 10 strutture: «Piscine piene di batteri e pericolose»

Attualità giovedì 30 giugno 2022 ore 09:30

Lupi e predazioni, Coldiretti chiede tutele

Un lupo

L'associazione degli agricoltori fa il punto sugli allevamenti da carne e la minaccia dei predatori. Filippi: "Difendere gli animali e le stalle"



VOLTERRA — Gli allevamenti ovicaprini da carne, in Provincia di Pisa, sono in crisi. Lo spiega la Coldiretti, che sulla base dei dati del Sistema Informativo Veterinario Nazionale rileva come una stalla su due sia stata costretta a chiudere a causa delle predazioni. Quelle rimaste sono 150, principalmente concentrate nelle campagna di Volterra, Pomarance e della Valdicecina, mentre dodici anni fa erano 270.

Nell’ultimo assalto, avvenuto negli scorsi giorni nei pascoli del Mazzolla, tra Siena e Volterra, i predatori hanno ucciso 19 pecore e ferite altre dieci.

"I numeri diffusi recentemente confermano che il lupo ormai non è più in pericolo. A rischio estinzione ora ci sono gli allevamenti, che le leggi nazionali non tutelano affatto - ha spiegato Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa - serve un serio impegno delle istituzioni per arrivare alla definizione di un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati".

"Il rischio vero oggi è la scomparsa della presenza dell’uomo delle montagne e delle aree interne per l’abbandono di tantissime famiglie - ha aggiunto - ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore".

Secondo il rapporto elaborato dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, sono 3.300 esemplari di cui quasi 2.400 nelle Regioni della zona peninsulare, con una probabilità di presenza molto elevata in Toscana, dove ha colonizzato quasi la totalità degli ambienti idonei. 

"Ci troviamo ad affrontare un fenomeno nuovo, che è quello della proliferazione di veri e propri ibridi che sono i principali colpevoli delle razzie - ha concluso - c’è scoramento e delusione: gli allevatori non denunciano nemmeno più. La dimensione dell’emergenza è molto superiore rispetto alle denunce e agli indennizzi concessi per le predazioni". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore in provincia non ci sono stat altri decessi. Tutti gli aggiornamenti anche Comune per Comune, Pisa e Cascina quelli più colpiti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

Attualità