Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:06 METEO:VOLTERRA10°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gioia e poi la disperazione: nuotatore squalificato per aver festeggiato troppo in fretta

Attualità lunedì 29 maggio 2017 ore 16:15

Un marchio volterrano per l'extravergine

L’olivicoltura del Comune potrà fregiarsi del prestigioso marchio dell’Igp Toscano. La storia dell’olio disponibile sarà disponibile su pc e tablet



VOLTERRA — Tracciabilità, trasparenza e qualità certificata. E per il consumatore sarà possibile conoscere, attraverso un semplice codice inserito nel collo della bottiglia, in qualsiasi momento dal pc, dal tablet o da qualsiasi supporto elettronico, la storia dell’olio extravergine che ha acquistato: dall’azienda che ha coltivato le olive, al frantoio che le ha frante e all’azienda imbottigliatrice. Tutto il suo percorso insomma ad ulteriore garanzia che quell’extravergine è al 100 per cento volterrano e soprattutto toscano.

Inizia una nuova era per l’olivicoltura del Comune di Volterra che potrà fregiarsi del prestigioso marchio dell’Igp Toscano, il più importante riconoscimento per l’olivicoltura nazionale, il più famoso nel mondo, con la valorizzazione con l’indicazione geografica di Volterra. Il progetto promosso dal Consorzio per la Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva Igp in collaborazione con il Comune di Volterra e l’ITCG Niccolini ha l’obiettivo di rilanciare e risvegliare un comportato da sempre molto importante ma che negli ultimi anni, complice gli attacchi sempre più pesanti della mosca olearia, il fenomeno dell’abbandono dei terreni e la concorrenza sleale dell’extravergine “tarocco” o “tagliato” aveva danneggiato le produzioni e smorzato l’entusiasmo.

“Con il marchio Igp – spiega Fabrizio Filippi, Presidente del Consorzio per la Tutela – diamo una nuova chance all’extravergine volterrano che ha patito, al pari di molti altri territori, un calo di produzione vistoso. Attualmente sono 91 le aziende associate al Consorzio che potranno utilizzare, nel rispetto del disciplinare, il marchio territoriale. Si tratta di un valore aggiunto a livello commerciale che offre al consumatore la garanzia di un’identità territoriale certa al 100%. Tutte le fasi produttive devono avvenire all’interno del Comune di Volterra. Per i produttori significa spuntare un prezzo al litro superiore. Chi acquista un litro di olio a 4-5 euro non sta acquistando olio italiano, ne tanto meno toscano”.

La presentazione ufficiale è in programma mercoledì 31 maggio, alle ore 17.00, presso la Sala Maggiore Consiglio del Palazzo dei Priori di Volterra a cui parteciperanno, insieme al Presidente degli olivicoltori, Filippi, Marco Buselli (Sindaco di Volterra), Gianni Baruffa (Assessore alle Attività Produttive, Turismo e Agricoltura del Comune di Volterra), Ester Balducci (Presidente Erasmus +), Jonni Guarguaglini (Frantoio Colli Toscani), Filippo Trisciani (Direttore Oleificio Cooperativo fra Coltivatori Diretti Toscani). “Con il marchio crediamo di arrivare – conclude Filippi – a produrre tra i 500-1000 litri di extravergine entro tre-cinque anni. Il marchio è un volano anche in chiave turistica”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A lanciare l'sos il presidente dei Giovani Imprenditori Confcommercio: "Numero destinato a calare ancora senza misure di sostegno e bandi"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca