QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 26 febbraio 2020

Politica domenica 13 ottobre 2019 ore 10:11

"New Delhi, chiediamo attenzione"

Paolo Moschi

L'intervento di Uniti per Volterra:"Sembra che vi siano stati dei casi anche presso il nostro ospedale, in Auxilium Vitae e presso RSA S.Chiara"



VOLTERRA — La lista civica Uniti per Volterra chiede attenzione sul New Delhi, chiedendo maggiori informazioni anche alla luce del fatto - sostiene il consigliere Paul Moschi - che"Sembra che vi siano stati dei casi anche presso il nostro ospedale, in Auxilium Vitae e presso RSA S.Chiara"

"Il caso del batterio New Delhi è esploso sul territorio dell' Asl Toscana nord ovest: questo ci spinge a chiedere ulteriori informazioni.Il New Delhi per la prima volta è stato identificato nel 2008 ed è un 'enzima prodotto da batteri che distruggono e rendono inefficaci gli effetti di molti tipi di antibiotici. Il nome New Delhi fu dato perchè fu trovato in un cittadino svedese che precedentemente era stato ricoverato in India a New Delhi. Successivamente fu riscontrato più volte in vari parti d' Europa, ma mai cosi concentrato come in questi ultimi mesi ,tanto che il Centro europeo per la prevenzione e per il controllo delle malattie parla di un "focolaio senza precedenti la cui origine non è stata ancora determinata " in un rapporto del 4 giugno 2019", dice la lista civica.

"La proliferazione di questo batterio sembra aver colpito principalmente la parte nord ovest della Toscana in cui attualmente i portatori del ceppo ricoverati sono oltre 700. Sono individui sani che però se si dovessero trovare a contatto con pazienti fragili, e più esposti a eventuale contagio, rischierebbero di rendere ancora più grave la circolazione del virus. Secondo un bollettino della Regione Toscana , tra il novembre 2018 e settembre 2019, i batteri sono stati isolati in 102 pazienti ricoverati in Toscana risultando letali nel 37 % dei casi. Non vi è stata divulgazione nei confronti dei cittadini di questa emergenza sanitaria data dalla proliferazione dei batteri NMD .Solo recentemente è emerso sulla stampa .Sembra che vi siano stati dei casi anche presso il nostro ospedale, in Auxilium Vitae e presso RSA S.Chiara. Vorremmo quindi essere portati a conoscenza della verità. A quanto ammontano i pazienti in cui è stato isolato il batterio , in quanti, se vi sono, è risultato letale, e se le famiglie sono state messe al corrente della reale causa di morte", sostiene ancora Moschi.

"Chiediamo all'Asl se esistono iniziative affinchè venga bloccata la proliferazione dei batteri, garantendo maggior sorveglianza e monitoraggio. Vorremmo essere messi anche al corrente se presso i nostri presidi ospedalieri ci sia una presenza di personale congruo per far si che la profilassi sia rispettata. Ad es. in molti ospedali viene richiesto un potenziamento delle risorse umane a disposizione dato che l'organizzazione infermieristica e Oss dell' area medica è messa a dura prova. Vorremmo insomma fosse presa sul serio una questione che potrebbe essere non secondaria. Ne sanno qualcosa i familiari delle persone contagiate. Ma sopratutto la nostra sanità deve essere all'altezza di superare la questione al meglio", conclude il consigliere.



Tag

Milano, viaggio in metropolitana con la paura del coronavirus

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità