Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:VOLTERRA10°21°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Attualità venerdì 07 ottobre 2016 ore 06:30

Una targa per Edo Savelli

L'affresco nel Liceo Artistico

Il liceo artistico celebra il ricordo del pittore apponendo una targa all'affresco che impreziosisce l'aula magna dell'istituto



VOLTERRA — Entrando nella suggestiva aula Magna del Liceo Artistico di Volterra, non si può non rimanere colpiti dall’affresco che occupa la parete centrale: l’autore è Edmondo (Edo) Savelli, uomo e artista dalla vita intensa, che ha realizzato quest’opera nel 1940.

Sabato 8 ottobre, alle 9,30, davanti al suo affresco sarà celebrato un ricordo particolare dell'artista, accompagnato da un gesto significativo non solo per il Liceo Artistico, ma anche per l’intera città di Volterra: sarà apposta una targa con il nome dell’autore di questa opera d’arte.

Interverrà alla cerimonia la figlia dell’artista, la professoressa Roberta Savelli, storica dell’arte, poetessa e attenta custode del pensiero e della produzione del padre.

Diplomatosi all'istituto d'arte di Porta Romana a Firenze nel 1936, Edmondo Savelli rivolse la sua attività alla pittura e all’affresco, ottenendo numerosi incarichi in varie città italiane. Le esperienze della guerra e della prigionia lo segnarono profondamente, stimolando in lui riflessione e creatività.

Nel dopoguerra ricevette per due volte l’invito alla Biennale di Venezia e nel 1951 venne invitato a Parigi, insieme ad artisti del calibro di Guttuso, Purificato, Sassu.

In questi anni si dedicò all'insegnamento di decorazione pittorica e storia dell'arte negli istituti d'arte di Volterra, Macerata (parentesi di un anno), di nuovo Volterra e Chieti, dove si trasferì definitivamente nel 1961.

Continuò a dipingere, ad esporre e a realizzare affreschi in tutta Italia, senza però dimenticare mai le sue radici toscane, regione in cui tornava spesso.

E’ morto il 18 luglio 2008 nella città abruzzese. La cerimonia sarà aperta dal dirigente Carducci Gabriele Marini, che porterà il saluto della scuola; seguiranno il saluto delle autorità presenti e l’intervento di Chelli che presenterà il profondo significato di questo incontro.

Roberta Savelli guiderà alla scoperta dell’artista, parlerà del padre e dei ricordi di un’infanzia trascorsa anche nel giardino dell’Istituto d’Arte volterrano.

I professori Carlo Bimbi e Flavio Melani, ex studenti di Edo Savelli, ci daranno un’immagine del maestro. Chiuderà la cerimonia la lettura di poesie di Roberta Savelli da parte di alcuni studenti del Liceo Artistico.

La cerimonia sarà sicuramente un momento intenso per gli studenti, per i docenti e per tutto il personale della scuola: attraverso le parole dei protagonisti rivivrà uno dei molti grandi artisti che nel tempo con la loro passione e con le loro opere hanno dato pregio allo storico Istituto d’Arte di Volterra.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le positività rilevate tra ieri e oggi sono distribuite tra 12 comuni della provincia. Ricoveri stabili negli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS