Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:14 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morte Filippo, principe Carlo: «Il mio papà era una persona molto speciale»

Attualità giovedì 05 novembre 2015 ore 17:08

Abbandonarsi ai 'piaceri della carne'

Dalla sua macelleria Jonny Di Marco dopo l'allarme dell'Oms: "il consumatore deve saper distinguere, le nostre carni sono controllate e garantite"



CECINA — “Dobbiamo imparare a distinguere, serve una cultura alimentare che spesso purtroppo manca”. Così Jonny Di Marco, proprietario insieme a Mario Alberto Mucci della macelleria “Il piacere della carne” di Cecina e socio Confartigianato, interviene in merito all'allarme lanciato dall'Oms sulle carni rosse. 

Andando controcorrente rispetto alla situazione economica italiana, Di Marco e il suo socio ad aprile scorso hanno deciso di aprire una macelleria, spinti dalla passione per i prodotti genuini e certificati, tanto che all'interno del loro punto vendita cecinese i due imprenditori hanno anche installato degli schermi dove è possibile vedere la provenienza delle carni sul banco

“Sono cresciuto tra gli allevatori, quando abbiamo deciso di aprire la nostra attività abbiamo voluto distinguerci dal resto del mercato: volevamo offrire prodotti controllati provenienti da stalle garantite dove i foraggi sono genuini e non chimici. Con fatica ci siamo riusciti – spiega Di Marco - Dobbiamo capire che gli allarmi non possono essere generalizzati, di base purtroppo c'è un'ignoranza alimentare, nel senso che il consumatore per primo dovrebbe saper distinguere tra prodotti sani e prodotti industriali: è chiaro che quando ci sono stalle con migliaia di capi i foraggi non siano proprio naturali"

"Noi invece puntiamo proprio su quello, sul mangime coltivato nei nostri campi, sano come quello di una volta - prosegue - La differenza poi tra una carne ottenuta con i metodi classici e nel rispetto dei tempi e dei vari passaggi e una industriale è eclatante”. 

Un'altra credenza da sfatare, spiegano ancora da Confartigianato è quella sul costo dei prodotti: le carni certificate e garantite hanno un prezzo che varia di poco rispetto alle altre di cui magari la provenienza è dubbia. “Dobbiamo fare un passo indietro e comprendere che, anche per fare la spesa serve del tempo, basta sapersi organizzare – illustra Di Marco – Saper scegliere oggi come oggi è l'unico modo per combattere allarmi a volte troppo generalizzati: ci sono molti metodi per conservare i cibi e quindi basterebbe dedicare un po' del proprio tempo agli acquisti”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ci sono stati cinque nuovi contagi in Valdicecina nelle ultime ore. Tre sono stati registrati a Volterra e due nel comune di Riparbella
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Politica