Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:28 METEO:VOLTERRA17°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità mercoledì 11 dicembre 2019 ore 10:45

Dstretto rurale, c'è il riconoscimento ufficiale

E’ ufficiale: la Regione, per mezzo di un decreto dirigenziale, ha approvato il progetto del distretto rurale della Val di Cecina



CECINA — E’ ufficiale: la Regione, per mezzo di un decreto dirigenziale, ha approvato il progetto del distretto rurale della Val di Cecina. In tempi record, dunque, il progetto di governance territoriale prende la sua veste ufficiale, con il via libera regionale che è giunto in anticipo rispetto ai tempi dettati lo scorso settembre dall’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi. 

Il futuro prossimo è già scritto: nel mese di gennaio si riunirà a Guardistallo l’assemblea del distretto rurale, che avrà il compito di sviscerare i primi passi fondamentali, ovvero la natura giuridica, l’atto costitutivo e l’organigramma. 

La sede legale del distretto rurale dell’Alta Val di Cecina avrà come quinta il quartier generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, grazie alla disponibilità data dal presidente della Fondazione Roberto Pepi. Intanto fervono i primi progetti in sinergia perché proprio oggi, grazie al sodalizio fra Cia e Confesercenti Toscana Nord, arriva un workshop organizzato in collaborazione con il distretto rurale e che metterà al centro i temi di un patto fra ristoratori e produttori agricoli di qualità, il giusto riconoscimento delle produzioni agricole locali ed il valore aggiunto in tutti gli attori della filiera (agriturismo Serraspina, Volterra, oggi alle 15). 

“E’ stato presentato un progetto con un grande coinvolgimento dei territori, delle istituzioni, del mondo agricolo e non solo – commenta l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi – il distretto rurale è un progetto di crescita territoriale di cui beneficerà l’intera zona: non solo l’aspetto rurale, ma anche il paesaggio e le attività che qui insistono. 

La rivitalizzazione di un’area, che non è certo minore, è il filo conduttore del distretto. In Val di Cecina si è respirata una grande aria di condivisione ed il progetto, approvato con un leggero anticipo da parte della Regione, ingloba i cardini di valorizzazione e sostenibilità ambientale, economica e sociale. Un modello da emulare in altri territori”. 

Dopo il riconoscimento regionale, il distretto rurale della Val di Cecina sarà protagonista di un altro passaggio, ovvero il riconoscimento come distretto del cibo da parte del ministero. “Si respira un gran fermento – dichiara il coordinatore del distretto rurale Stefano Berti – stiamo riscontrando un interesse generale di altri soggetti pronti ad aggregarsi al distretto rurale. Ringraziamo la Regione e l’assessore Remaschi e continuiamo a rimboccarci le maniche perché il distretto sia, adesso che è stato formalmente riconosciuto, un promotore ed un facilitatore fra gli interessi di varia natura del territorio”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prima fase di demolizione del Padiglione Carlo Livi. Si tratta di un edificio ormai fatiscente, parte della memoria manicomiale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità