QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 27 marzo 2019

Sport martedì 25 marzo 2014 ore 21:59

Fervono i preparativi per la Gran Fondo Paolo Bettini

Manca poco al via: sale l'attesa per la gara ciclistica più attesa dell' anno, intitolata al campione toscano



POMARANCE — Meno di tre settimane al via della 17.a Green Fondo Paolo Bettini – La Geotermia, terza tappa dello storico challenge del Giro del Granducato di Toscana, in calendario domenica 13 aprile. Le novità dell’edizione 2014 della prova organizzata dal Velo Etruria Pomarance non sono poche, a partire dalla modifica al percorso “lungo” dovuta a smottamenti con cui quest’anno sono costretti a fare i conti tante manifestazioni primaverili. I tracciati a disposizione dei ciclofondisti saranno tre: il “lungo” misura 135,7 Km e presenta un dislivello di 2590 metri, il “medio” 87 km e 1384 metri di dislivello e infine ci sarà anche la versione soft per i cicloturisti da 72 km e soli 800 metri di dislivello. Tutti i partecipanti pedaleranno attraverso gli splendidi paesaggi della Val di Cecina e delle Colline Metallifere, unici in Italia proprio per la presenza dei fenomeni geotermici come i soffioni boraciferi di Larderello e le fumarole di Sasso Pisano. Confermata la partenza da Pomarance e poi via subito con la pedalabile salita verso l’abitato di Montecerboli, l’ideale per scaldare le gambe. Subito dopo ecco la prima novità della GF Bettini versione 2014: il passaggio dal centro di Larderello. Qui la corsa transiterà nei pressi della Chiesa della Beata Maria Vergine, progettata negli anni ’50 da Giovanni Michelucci, uno dei più importanti esponenti e innovatori dell’architettura italiana del XX secolo. In questa fase il percorso lambisce anche gli impianti geotermici Enel e lo storico sponsor della manifestazione da quest’anno torna a collaborare con la Green Fondo, sensibile fin nel nome al tema del rispetto dell’ambiente e da sempre intenta a promuovere un’energia pulita come la geotermia. Superata la Valle del Diavolo si comincia a sudare sulle rampe che portano il gruppo a Castelnuovo Val di Cecina e al chilometro diciassette, poco dopo il paese, un altro dente di un chilometro e quattrocento,  chiuderà il primo segmento di gara. Si potrà tirare il fiato nella discesa di nove chilometri, che attraversa Sasso Pisano, dove lo scorso anno è stato inaugurato lo splendido biolago geotermico, un complesso termale alimentato dalle fonti naturali presenti nel territorio della Val di Cecina, il luogo ideale per rinfrancare le gambe e lo spirito al termine delle fatiche della granfondo. Al chilometro trenta poi i corridori imboccheranno l’ascesa della Leccia e, oltrepassato l’omonimo borgo medievale che domina la Val di Cornia, si giungerà a Serrazzano e di lì la strada scenderà fino a Canneto. Il tratto successivo pianeggiante permetterà ai partecipanti di rifiatare per circa quindici chilometri. La strada tornerà a farsi mossa nei pressi dell’abitato di Ponteginori  e, prima dell’arrivo, il percorso prevede un’altra ascesa sicuramente destinata a fare selezione, la “Salita del Cerreto” arricchita, nella parte iniziale, dal fascinoso muro del “Cerretenberg”, che evoca atmosfere da classiche del nord. Al termine di questo strappo un falsopiano di tre chilometri immetterà i corridori nell’erta di Pomarance, lunga circa un chilometro, dove si concluderà il percorso “medio”. Le fatiche del lungo continueranno invece nella parte inedita del tracciato, che prevede un secondo passaggio da Montecerboli prima di svoltare a destra e dopo poco reimmettersi sul percorso già affrontato proprio all’altezza del culmine della Leccia. Dalla Val di Cornia, sempre procedendo in senso contrario rispetto all’andata, si risalirà verso Sasso Pisano e infine Castelnuovo Val di Cecina da dove ci si butterà giù verso Pomarance per raggiungere il traguardo. Le iscrizioni alla corsa sono possibili fino alle ore 12 del 10 aprile: la quota rimane bloccata a trenta euro, dopodiché si salirà a quaranta euro con deadline fissata entro le ore 12 del 12 aprile. Chi invece sceglierà la versione cicloturistica non si dovrà preoccupare di aumenti e scadenze. Per questi, infatti, l’iscrizione rimarrà fissa a quindici euro. Oltre al posto in griglia, la quota di iscrizione comprende il gustoso pacco gara della GF Bettini, quest’anno composto di prodotti alimentari di grandi marche. La Green Fondo Paolo Bettini – La Geotermia sarà valevole per lo storico e apprezzato circuito del Giro del Granducato di Toscana, la cui seconda tappa è andata in scena ieri a Pisa con la neonata Granfondo Città di Pisa.

Fonte: Ufficio Stampa Velo Etruria



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità