comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:VOLTERRA12°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 22 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo scontro tra Gomez e Calenda a Piazzapulita: «Vuole insegnare il mestiere al Prof. Galli»

Attualità lunedì 09 febbraio 2015 ore 19:58

Gelli porterà Montecastelli in Parlamento

"Questo territorio è stato sfruttato per 50 anni nella produzione massiva di energia geotermica, una fonte di energia che non è ne rinnovabile ne sostenibile"



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — “Presenterò un'interrogazione parlamentare ai ministeri competenti per capire il perché delle concessioni date". Queste le parole, a proposito dei permessi di ricerca per la geotermia, di Federico Gelli, deputato del Partito Democratico e componente della Commissione Affari sociali e sanità.
Gelli ha incontrato sabato scorso presso la liuteria di Montecastelli Pisano frazione del Comune di Castelnuovo Val di Cecina i rappresentanti del Comitato 'Montecastelli Viva' che si oppone alla realizzazione di nuovi impianti geotermici nel territorio del piccolo borgo, interessato da un permesso di ricerca regionale, già concesso, e da uno ministeriale.
"Dobbiamo tutelare il territorio limitando ogni sorta di inquinamento acustico, ambientale, idrico - afferma il deputato - che sarebbe causato dall'eventuale realizzazione di questi nuovi impianti”.
“Questo territorio è stato sfruttato per 50 anni nella produzione massiva di energia geotermica – ha aggiunto il parlamentare – una fonte di energia che non è ne rinnovabile ne sostenibile e che ha dato occupazione,  ma anche danni ambientali e sulla salute degli abitanti". "Molti studi epidemiologici infatti, rilevano come il rilascio di vapore geotermico abbia causato l’incremento dell’incidenza di alcune patologie nei territori interessati - prosegue Gelli - le nuove concessioni rischiano quindi di compromettere definitivamente una della poche zone di questa parte dell’Alta Val di Cecina ancora integre e di grande rilievo paesaggistico, storico e naturalistico e dove in questi anni si è sviluppata una florida economia legata al turismo sostenibile e alle produzioni agricole biologiche e di qualità".
"Per questo motivo sarebbe una grande sciocchezza – conclude il parlamentrae del Pd – far naufragare tutto questo per costruire nuovi impianti che avrebbero sicuramente un impatto ambientale senza nessuna ricaduta economica sul territorio”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca