QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 14 dicembre 2019

Attualità martedì 23 giugno 2015 ore 18:18

Grido degli artigiani: nonostante tutto ci siamo

L'associazione Arteinbottega parla dei problemi, ma anche delle opportunità per l'artigianato artistico, anche fuori dai confini di Volterra



VOLTERRA — Riceviamo e pubblichiamo dall'associazione Arteinbottega Volterra.

"L'artigianato artistico e tradizionale da sempre è una grande risorsa economica in tutti i territori dove esistono queste specificità. Da sempre, in questi territori, uomini e donne si confrontano tutti i giorni con la realtà della bottega e, di tutte quelle pratiche amministrative, fiscali e adempimenti che la burocrazia richiede, oltre alla insistente crisi economica. E' evidente che gli studi di settore ai quali sono sottoposti tutti gli artigiani non tengono conto di queste variabili e dello stato di fatto che ognuno vive con la propria attività.
Coloro che impartiscono le regole non hanno mai considerato il fatto che ogni territorio dove si sviluppa l'artigianato artistico e tradizionale è diverso l'uno dall'altro, come storia, tradizione e cultura del lavoro, forse nessuno di loro è mai stato Artigiano.

La Regione Toscana ha indetto un bando per accedere al titolo di "Maestro Artigiano". Non tutti gli artigiani sono iscritti alla Camera di Commercio, molti artigiani dell'artigianato artistico non hanno la forza economica per affrontare le iscrizioni, le quote richieste e tutti gli aspetti fiscali. Per questi ed altri motivi molti lavorano con la partita IVA . Qualche artigiano che lavora da oltre venti anni si è sentito rifiutare la qualifica di "Maestro Artigiano", non crediamo al fatto che sia solo l'iscrizione alla Camera di Commercio il requisito essenziale per avere la qualifica.

Nonostante tutte queste difficoltà, gli artigiani trovano la forza, il coraggio e i presupposti per mettersi in gioco, la voglia di mostrare le proprie capacità creative, le competenze e l'attaccamento alle proprie origini e tradizioni, dimostrano che la cultura del proprio lavoro è il primo riferimento, oltre il quale non è più artigianato artistico e tradizionale ma semplicemente una operazione commerciale senza nessuna partecipazione emotiva.

In questi ultimi mesi, a Volterra, le attività artigianali hanno cercato di rinnovarsi trovando le più svariate motivazioni. Alcuni artigiani si sono impegnati, notevolmente, per mettersi alla attenzione di un pubblico sempre più esigente e di un turismo che ricerca, sempre con maggiore attenzione, la tipicità dei prodotti.
A Volterra non mancano le tradizioni, l'artigianato artistico e tradizionale legato all'alabastro esiste dalla Civiltà Etrusca, oltre tremila anni. Tutte le altre tipologie di artigianato che si sono sviluppate a Volterra e nel territorio hanno risentito, positivamente, di queste tradizioni.

Nonostante sia stato cancellato dall'ordinamento scolastico l'istituto Statale d'Arte, che faceva un minimo di formazione, divenuto un semplice Liceo Artistico, gli artigiani e i nostri giovani respirano sempre l'aria della bottega e della cultura del lavoro Artigianale.
Alcuni giovani artigiani, si sono messi in gioco aprendo o cambiando la propria bottega portando una ventata di novità e di gioventù nella lavorazione dell'Alabastro.

Altri artigiani dell'alabastro si stanno affermando e raccogliendo i frutti del proprio lavoro, portando innovazione e prodotti di qualità alla attenzione del mercato Internazionale.

Il centro storico si sta aprendo all'insediamento di botteghe artigianali offrendo, al turismo e ai residenti una opportunità di scelta di prodotti di alta qualità. Alcune bottega si sono rinnovate sia nella veste espositiva che, in modo particolare nella creatività, portando alla attenzione del pubblico nuove collezioni di oggetti usando materiali diversi e originali, Legni particolari, Alabastro, Pietra Panchina volterrana e altri materiali.

Alcuni artigiani hanno realizzato delle opere, ognuno nella propria tipologia, ispirate al Rosso Fiorentino ed esposte in Torre Minucci fino al 31 dicembre prossimo sull'evento del Rosso Vivo, in accordo con l'Amministrazione Comunale.

Il Fuori Expo a Milano, curata da Enti e Istituzioni locali con la Regione Toscana, vede la presenza di alcuni Artigiani dell'Alabastro, sicuramente è un grande stimolo, un trampolino importante per far conoscere le nostre tradizioni e promuovere le nostre risorse naturali e artistiche per un turismo di
qualità.
Arteinbottega ha iniziato un percorso con i bambini della Scuola dell'Infanzia per far conoscere l'artigianato e l'alabastro, i bambini sono il futuro, sarà un percorso lungo, ma sicuramente efficace per far conoscere al meglio le tradizioni.

Arteinbottega si augura che tutte queste piccole ma significative iniziative servano per iniziare un percorso che porti ad un ampliamento del nostro artigianato artistico e tradizionale.

La formazione e la scuola dovrebbero ricoprire un ruolo fondamentale, il ricambio generazionale deve passare, inevitabilmente, da questi presupposti".



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Lavoro