Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:VOLTERRA19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto Franco Battiato. L'intervista del 2018: «Milano con la nebbia, mi piacque molto: cantavo per scherzo dei madrigali barocchi. Fu Gaber che mi disse di chiamarmi Franco»

Cultura giovedì 18 giugno 2015 ore 09:50

I segni dell'arte contemporanea

Si è conclusa l'edizione 2015 di M'arte; le opere degli artisti sono ancora visibili a Montegemoli



POMARANCE — Si è concluso domenica 14 giugno in Valdicecina il percorso di residenza degli artisti, critici e professionisti M’arte 2015 HABITATHABITUSHUMUS, ma le installazioni di Montegemoli saranno ancora visibili per tutto il mese.

Luoghi come Montegemoli, Pomarance, il Castello Ginori di Querceto e Volterra hanno ospitato il lavoro degli artisti che orbitano attorno al collettivo siciliano SITE SPECIFIC, con sede a Scicli (Ragusa) e altre figure professionali quali il critico/curatore indipendente Pietro GAGLIANÒ, i registi/fotografi Malia BRUKER e Alessandro ZANGIROLAMI, la coreografa/videomaker J. Louise MAKARY e i graphic designers Luisa MILANI e Walter MOLTENI (La Tigre). Artisti che hanno interpretato attraverso il loro sguardo i processi creativi degli artisti e le storie sotterranee che da questi sono emerse.

Partendo da una condivisione di spazio e tempo, il gruppo ha tracciato un percorso artistico comunitario che ha portato alla scoperta del passato, alla valorizzazione del presente, proiettato verso la costruzione del futuro del territorio. Un’armonia a più voci di linguaggi espressivi, dalla pittura all’installazione, dalla grafica alla fotografia, dal video al sound design, dalla narrativa alla critica.

Hanno inoltre partecipato alla manifestazione, come fondamentale valore aggiunto e con progetti ad hoc, gli studenti del Liceo Artistico G. Carducci (Volterra) con il progetto installato a Montegemoli “Forme di Gusci”, e la classe della prima media dell’Istituto Comprensivo Tabarrini (Pomarance).

PAP Aia Meccanica (Montegemoli) ha dato vita al workshop “Dressing Habitat-L’abito del mondo”: adulti e bambini sono stati guidati nella creazione di un’installazione utilizzando materiali di scarto, modificando l’habitat circostante sulle linee della propria immaginazione, visibile nel Giardino di Bella degli Abati a Montegemoli.

Le installazioni a Montegemoli saranno ancora visibili giovedì 18 e giovedì 25 giugno nell’orario 10-19, nei week end del 20 e 21 giugno e 27 e 28 giugno nell’orario 16-21.

Info: Eleonora Raspi | +39 389 04 76 417| eraspi@icloud.com.

(in allegato alcune immagini delle opere degli artisti)

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità