QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 10° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 05 dicembre 2019

Politica mercoledì 08 luglio 2015 ore 16:35

"Smith rispetti l'accordo con la Regione nel 2014"

Mugnai (Fi) ha presentato una interrogazione al consiglio regionale sulla fabbrica di scalpelli e richiama il protocollo siglato a luglio



VOLTERRA — La Regione garantisca la piena attuazione del protocollo d’intesa ancora vigente e sottoscritto il 16 luglio 2014 con Smith International Italia Spa che prevedeva lo sviluppo dello stabilimento di Saline di Volterra e la qualificazione del personale, non certo l’impoverimento occupazionale. A chiederlo è una mozione del Capogruppo di Forza Italia Stefano Mugnai presentata in Consiglio regionale sulla vertenza Smith Bits di Saline di Volterra.

"Al momento dopo fasi di scontro anche aspro l’ipotesi chiusura pare tramontata, ma sul fronte squisitamente occupazionale ad oggi è previsto il rientro in servizio di soli 78 lavoratori sui 193 originariamente impiegati – dichiara Mugnai in una nota – La perdita di 115 posti di lavoro in quel territorio aprirebbe scenari davvero pesanti, e adesso si tratta di mettere in campo azioni serrate per riempire di potenziali posti di lavoro gli accordi che si andranno ad intraprendere". "Su questo - aggiunge - vogliamo fissare anche in atti l’attenzione della giunta regionale, soprattutto poiché la Regione può farsi forte di un protocollo d’intesa tuttora vigente con cui l’azienda si impegnava a potenziare, e non certo a impoverire, lo stabilimento di Saline di Volterra".

Mugnai, nella mozione, ripercorre la vicenda Smith Bits. "Dal 1959  a Saline ha sede uno stabilimento della Smith Bits, dal 2010 parte del gruppo Schlumberger LTD, leader internazionale nella produzione di prodotti avanzati per l’industria estrattiva - si legge - In Italia, il gruppo consta di due poli produttivi: quello toscano, specializzato nella realizzazione di scalpelli per le perforazioni petrolifere, occupa direttamente 193 persone sulle circa 300 impiegate dalla Smith International Italia Spa sul territorio nazionale e produce il 70% del fatturato del gruppo". 

"Il 27 aprile scorso, a poche settimane dalla conclusione del ricorso alla cassa integrazione che aveva dato speranze di futuro ai lavoratori e alle loro famiglie grazie a un’annunciata commessa dal Venezuela, i vertici dell’azienda hanno comunicato la volontà di chiudere lo stabilimento di Saline di Volterra, con conseguente messa in mobilità dei dipendenti - prosegue il documento -  Dopo azioni di protesta e trattative con esiti alterni; tale decisione è stata parzialmente rivista: ad oggi lo stabilimento non chiuderà e continuerà ad occupare 78 tra i 193 lavoratori originariamente impiegati, lasciando senza lavoro comunque 115 persone".

"Il 16 luglio 2014 – ricorda Mugnai – l’azienda aveva sottoscritto con la Regione Toscana un ‘Protocollo d'intesa per lo sviluppo ed il consolidamento della presenza della Smith International Italia Spa in Toscana’, valevole per due anni e dunque ancora vigente". "In esso - aggiunge - l’azienda si impegnava a sviluppare nuove linee produttive d’eccellenza qualificando il proprio personale, mentre la Regione Toscana si impegnava a favorire l’informazione presso la Smith Bits circa i propri bandi finalizzati alla formazione del personale e/o al sostegno agli investimenti".

La mozione sarà discussa in Consiglio regionale.



Tag

Legittima difesa: cosa cambia con la nuova legge

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Spettacoli