QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 16°26° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 22 ottobre 2019

Attualità martedì 03 gennaio 2017 ore 13:00

L’aria di Volterra è Doc

Un articolo del 1933 descrive l'inconfondibile atmosfera della città etrusca che, nonostante lo scorrere del tempo, resta immutata



VOLTERRA — Lo scorrere del tempo si insinua silenziosamente nelle vie delle città e, in modo graduale e continuo, ne modifica le sembianze. Ridisegna le architetture, accentua i colori, altera i suoni, ridefinisce gli spazi e i luoghi di aggregazione. Così, proprio come ogni essere vivente, anche i luoghi riportano i segni della sua presenza. Qualcosa, però, deve essergli sfuggito. E questa sua distrazione ha coinvolto, inconsapevolmente, l’aria di Volterra.

Non nei mutamenti meteorologici che, a livello globale, stanno cambiando il clima della Terra, ma in quelle atmosfere che, ineffabili e uniche, rappresentano la vera anima delle città.

In un articolo del 1933, pubblicato sul numero 33 de Il Corazziere,  un cronista di allora ne descrive le sensazioni e i benefici:

“È un’aria deliziosamente epicurea, l’aria del “carpe diem” oraziano che invita a rimandare al domani le cose moleste ed a stendersi all’ombra di un leccio in dolci fantasticherie”.

E ancora: “È un’aria che ha quasi un sapore speciale, caratteristico, che si percepisce benissimo quando, anche dopo un solo giorno di assenza, torniamo a respirarla.”

“Si fa presto a dire: l’aria di Volterra è leggera -si legge ancora nel testo dell'articolo- altri paesi situati più in alto l’hanno ancor più leggera, ma non si prova in essi quel senso speciale di sollievo e di dolce calma che si prova respirando l’aria del nostro poggio”.

Allora come oggi, l’aria di Volterra resta inconfondibile e, come fosse un prodotto certificato da un marchio di qualità, autentica e irripetibile.

Non esiste una ricetta che permetta di conoscerne gli ingredienti e di dosarne le quantità. Sappiamo solo che è una fusione perfetta di elementi, l’unione tra una leggera brezza, a tratti pungente, con un calore materno; un senso di protezione che convive con lo spirito di avventura suggerito e invogliato dal nitore del cielo. Componenti che, anche se ignote, sono ricche di ossigeno per la mente e per il cuore.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag

«L'abbraccio», la storia mai raccontata del giudice Saetta e del figlio uccisi dalla mafia diventa un film

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Cronaca