comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:47 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 28 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Cultura domenica 02 aprile 2017 ore 14:30

Le “ignorantiadi” volterrane

Negli anni ’50-60, un concorso tra fra gli studenti volterrani decretava una classifica delle “efferatezze verbali” più eclatanti dell’anno scolastico



VOLTERRA — Certamen di latino, olimpiadi di matematica o di italiano. Le competizioni degli alunni non si limitano a gare che coinvolgono soltanto le discipline canoniche. Battute goliardiche, arte dell’improvvisazione, scherzi e “persecuzione” alla Calandrino, Bruno e Buffalmacco che, fin dal Medioevo, fanno parte del repertorio studentesco-universitario, sono state oggetto di “singolar tenzoni”.

Alla fine degli anni Cinquanta inizi Sessanta, nelle scuole volterrane, esistevano, infatti, le “Ignorantiadi. Nome che, in modo diretto, suggerisce la materia del contendere.

Il regolamento prevedeva che, durante l’anno, gli studenti appuntassero su un quaderno le esagerazioni espressive, le violazioni lessicali e le provocazioni verbali pronunciate dai compagni. A giugno, una “severa commissione” valutava, con implacabili votazioni, chi avesse il diritto di salire sul podio. I premiati, combattuti tra imbarazzo e orgoglio, si aggiudicavano, così, una forma moderna e virtuale di tapiro ante litteram o di Oscar per la miglior interpretazione.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Cronaca

Attualità