Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:VOLTERRA16°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Attualità domenica 19 marzo 2017 ore 15:23

Il manicomio di Volterra in Australia

Un progetto artistico realizzato nell’edificio abbandonato dell’ex ospedale psichiatrico San Girolamo viene presentato dall'altra parte del mondo



MELBOURNE (AUSTRALIA) — Martedì 21 marzo al Museum of Innocence di Mildura (importante centro a nord di Melburne in Australia), l'artista visiva Laura Cionci (Roma, 1980), presenta il video Kalopsia

Una produzione realizzata in collaborazione con il regista Alessandro Zangirolami (Milano, 1981) e la curatrice Eleonora Raspi (Volterra, 1982).

Il video è girato interamente all’interno del padiglione Ferri dell’ex ospedale psichiatrico di San Girolamo di Volterra

Cionci è, tra l'altro, una delle artiste protagoniste del prossimo M’Arte 2017, il progetto di arte contemporanea a cadenza biennale in programma tra maggio e luglio tra Montegemoli, Pomarance, Volterra e il Castello di Querceto (Pisa). L’edizione di quest’anno si intitola La natura delle cose e gli artisti sono invitati a lavorare sul concetto di Natura.

Già prima della sua chiusura negli anni ‘70, l’imponente complesso monumentale dell’ex ospedale psichiatrico aprì le sue porte all’arte contemporanea. In occasione della manifestazione di arte ambientale Volterra ’73, la struttura ospitò il giovane artista Ugo Nespolo e la sua opera La grande pillola, una vera e propria pillola di legno alta due metri. L’opera, quasi a simboleggiare una drammatica catarsi, fu poi bruciata alla fine della mostra. 

Nel 2002, fu la volta di Marina Abramovic per la rassegna culturale Arte all’Arte. Abramovic, con la performance Marienbad, preferì lavorare direttamente con il suo pubblico, dandogli delle direttive precise e conducendolo in un percorso fisico, riflesso di un lavoro concettuale su temi quali ricerca di identità, forza gravitazionale, memoria e passato. 

Nel mese di aprile 2016, il Padiglione Ferri è stato nuovamente al centro di un intervento artistico, questa volta non per onorarne e ricordarne la storia, bensì per diventare a sua volta parte integrante di un’opera come Kalopsia dove gli artisti affrontano una riflessione su concetti quali lo spazio e il superamento di confini, nonché questioni legati alla visibilità e percezione. 

“Il video racconta il dialogo tra natura, architettura e arti – ha spiegato la curatrice Eleonora Raspi -, e il suo fondamento teorico si inserisce all’interno del percorso di Waiting Posthuman, piattaforma di ricerca interdisciplinare fra filosofia, architettura e arte, fondata da Leonardo Caffo e Azzurra Muzzonigro”.

Dal greco kallos (bellezza) e opsis (vista), comunemente la parola kalopsia indica l'illusione di percepire le cose come più bella di quello che realmente sono. Privato di qualsiasi riferimento simbolico e storico, lo spazio del Padiglione Ferri è trattato dai due artisti in maniera astratta, una lunga sequenza che inizia e termina con la stessa inquadratura e che posiziona lo spettatore in una sorta di “loop percettivo” entro cui gli è richiesto di rimanere, riflettere, ed attendere l’apparizione di un nuovo elemento spaziale. 

“Il rapporto con i luoghi abbandonati – ha aggiunto la curatrice - implica un’alterazione del punto focale che credo possa rispecchiare la fragilità del sé contemporaneo. Consentire a noi stessi di essere fuori dal nostro luogo di appartenenza potrebbe significare permettere a noi stessi di diventare confini, testimoni attivi di passaggio e di creazione. Il nostro rapporto sociale come persone-cittadini con spazi abbandonati, in un certo senso, è un richiamo costante della fragilità delle frontiere e dei confini”. 

A seguito dell’inaugurazione australiana del 21 marzo, Laura Cionci darà il via al programma di residenze per artisti previsto per lo spazio museale di Mildura. Durante il soggiorno l’artista lavorerà ad un nuovo video e il progetto affiancherà Kalopsia. I due video poi saranno presentati la prossima estate in Italia e mostrati come unica installazione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report regionale fotografa, provincia per provincia, le ultime ore sul fronte epidemico: 16 nuove positività nel territorio pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità