QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 18 novembre 2019

Attualità sabato 20 dicembre 2014 ore 17:50

Montecastelli non vuole la centrale di Magma

Nascerà un comitato di cittadini: durante l'assemblea pubblica le risposte della società non hanno fugato i dubbi sollevati dagli abitanti



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — Da una parte ci sono gli abitanti del borgo di Montecastelli, dall'altra una società che vuole investire nella ricerca del vapore. In mezzo la Regione Toscana che, dopo aver concesso i permessi di ricerca per la geotermia, adesso dovrà pronunciarsi sulle richieste di partire con i pozzi esplorativi.
E' andata oltre la mezzanotte l'assemblea che si è svolta ieri sera, 19 dicembre, a Montecastelli Pisano, frazione del Comune di Castelnuovo Val di Cecina. Oltre 100 i cittadini presenti, arrivati anche dai paesi vicini per ascoltare il progetto che la società Magma Energy Italia vuole realizzare.

IL PROGETTO. La richiesta presentata alla Regione il 3 dicembre, nell'ambito del più ampio progetto di ricerca denominato Mensano, è per la realizzazione di due pozzi esplorativi nei pressi di Montecastelli. E' evidente che se il vapore si troverà, lì dovrebbe sorgere una centrale geotermoelettrica.
Gli esperti di Magma, presenti all'incontro, illustrano che si tratta di una tecnologia innovativa, quella delle centrali con turbine a ciclo binario mai sperimentata in Italia, e di un progetto completamente "green", senza rumore, senza i fumi ai quali siamo abituati e con ricadute per l'occupazione ed il territorio.

I CITTADINI. Non sono affatto convinti, però, gli abitanti del piccolo borgo di Montecastelli e delle campagne circostanti. Dal medico all'ex insegnante, dall'agricoltore all'operaio Enel in pensione: sono in tanti a sollevare dubbi ed a porre domande. Perchè qui non si tratta, come avvenuto ad esempio a Casole d'Elsa, di portare la geotermia in un territorio che non la conosce, ma di discutere su un progetto in un territorio che di geotermia vive e lavora.
I cittadini del borgo, che a poca distanza ha la centrale Enel di Sesta, chiedono di preservare il loro piccolo "diamante" come lo definisce qualcuno, tutelare i loro agriturismi, continuare a lavorare nelle loro compagne. E domandano "perchè visto che il territorio è pieno di pozzi già perforati che Enel non utilizza, non si possano usare quelli invece di andare a bucare ancora un territorio che forse ha già dato abbastanza". 
Sollevano dubbi anche sulla solidità economica della società e sui capitali investiti in queste ricerche che sarebbero di oltre 3 milioni, come spiegano da Magma, il cui 55 per cento è detenuto dalla holding italiana Graziella Green Power e l'altro da Alterra Power Corp, società con sede a Vancouver, in Canada.

L'ITER.  I cittadini annunciano di voler costituire un vero e proprio comitato per ribadire e motivare il loro 'no' al progetto. Come detto, sarà la Regione a doversi pronunciare ed a decidere se concedere o meno la possibilità di procedere con i pozzi. Intanto, è stata richiesta a Magma della documentazione integrativa, il che farà allungare i tempi entro cui l'amministrazione toscana dovrà pronunciarsi. Si andrà avanti almeno fino al 3 marzo: in questo periodo seguiranno altre assemblee pubbliche, la prima forse già la prossima settimana, in cui i cittadini incontreranno il sindaco Alberto Ferrini e anche, nuovamente, la società.
"Noi come Comune- spiega il primo cittadino - possiamo in questo arco di tempo presentare le nostre osservazioni alla Regione. Siamo a disposizione dei cittadini per fare insieme questo percorso di confronto aperto".

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Cronaca