Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:VOLTERRA8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Cultura venerdì 08 ottobre 2021 ore 18:15

La geotermia protagonista a Internet Festival

Internet Festival, la geotermia protagonista del viaggio a 360 gradi di Mirco Mencacci tra i suoni del cuore caldo della Toscana



PISA — Un bellissimo virtual tour alla scoperta dei suoni e delle immagini di una Toscana più o meno inedita: si chiama “Viaggio a 360° nelle immagini e nei suoni della Toscana” ed è stato presentato questa mattina in anteprima alle scolaresche all’Internet Festival di Pisa, un piccolo grande capolavoro con video panoramici e suoni 3D realizzato da Mirco Mencacci, sound designer di Lari che ha lavorato tra gli altri con Marco Tullio Giordana, Matteo Garrone, Ferzan Özpetek, Nanni Moretti, insieme a Luca Ciarfella, regista e tecnico del video in un progetto con Toscana Film Commission di Fondazione Sistema Toscana per riscoprire i luoghi della nostra meravigliosa regione anche attraverso la cultura del suono, che troppo spesso sottovalutiamo, accompagnata da spettacolari immagini 3D.

E così è un attimo trovarsi d’un tratto sul Ponte Vecchio di Firenze, nel silenzio maestoso di piazza dei Miracoli, al tramonto sulla spiaggia del Parco di San Rossore o tra le gru del porto di Livorno, ma anche sulla voragine di una cava di marmo di Carrara o all’interno della torre di raffreddamento della centrale geotermica di Larderello o nel bel mezzo della Valle del diavolo, tra le putizze e dei vapori del Parco geotermico delle Fumarole a Sasso Pisano. Per fare questo viaggio virtuale nel cuore della Toscana basta recarsi all’Internet Festival di Pisa, da oggi a venerdì, presso le Manifatture Digitali e indossare lo speciale visore che con la tecnologia 3D consente di fare un’immersione visiva e sonora davvero unica.

Mirco Mencacci e Luca Ciarfella hanno girato per mesi la Toscana alla scoperta della sua bellezza attraverso la narrazione dei suoni che introducono le immagini: sono proprio i suoni della natura, ma anche i silenzi ed i rumori artificiali dell’attività umana, infatti, la porta di accesso di questo viaggio virtuale che restituisce centralità alla cultura del suono e che, nell’evoluzione del progetto, intende consentire anche a chi è lontano dalla Toscana di esplorarla e magari di fare sopralluoghi virtuali per decidere l’ambientazione di un set cinematografico o di altri eventi ed iniziative nelle ambientazioni più esclusive ed originali della regione.

Nel loro tour, a febbraio 2021 Mencacci e Ciarfella hanno fatto tappa anche a Larderello e nelle terre geotermiche della Toscana: guidati dal personale di Enel Green Power in totale sicurezza, hanno potuto visitare e riprendere a 360° i luoghi più unici che rari della geotermia toscana, dall’interno della grande torre di raffreddamento di una centrale alle manifestazioni naturali di Sasso Pisano fino ad altri ambienti, come l’Arena Geotermica, le turbine di produzione o il pozzo dimostrativo che dà espressione alla forza del calore contenuto nel cuore della terra. 

“La geotermia – ha detto Mirco Mencacci nella mattina di presentazione del video, a cui sono intervenuti anche rappresentanti di Enel – è una realtà di grande fascino che, anche in termini di suoni sia naturalistici che di attività industriale, ha un potenziale enorme che può essere raccontato e reso fruibile anche per chi ancora non conosce questa risorsa naturale molto importante per la Toscana. All’interno della torre refrigerante, per esempio, il vapore che si condensa per tornare acqua e precipitare sotto forma di pioggia è una sorta di nuvola che si fa soffio e cascata e che i suoni narrano meglio delle immagini. La nostra mentalità spesso considera solo ciò che è visibile, mentre fin dal grembo siamo immersi anzitutto nei suoni e l’udito non smette mai di funzionare, neppure di notte. Dobbiamo riscoprire la cultura del suono sia per valorizzarla sia per combattere l’inquinamento acustico, che provoca molti danni, attraverso la consapevolezza e la conoscenza che passa anche da iniziative come questo viaggio nelle immagini e nei suoni della Toscana”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità