Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:04 METEO:VOLTERRA18°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità mercoledì 29 aprile 2015 ore 16:55

Smith, Pieroni manifesterà accanto ai lavoratori

Il candidato alle regionali: "La soluzione non è chiudere lo stabilimento, vitale per l'economia". E auspica un tavolo con le istituzioni



PISA — "Ho dovuto annullare alcuni impegni elettorali, ma non potevo mancare". Annuncia così, l'ex presidente della provincia di Pisa e candidato al consiglio regionale Andrea Pieroni, la sua decisione di partecipare alla manifestazione indetta per domani, giovedì 30 aprile, dai lavoratori della Smith (a partire dalle 10 di fronte allo stabilimento di Saline di Volterra).

"Ho seguito per anni quel territorio – ha detto – che come il resto della provincia sento mio e non posso pensare alle conseguenze che la chiusura dello stabilimento determinerebbe. Per questo ci sarò e farò quanto possibile per aiutare i dipendenti a trovare una soluzione".

"Un colpo da Ko per l'economia di tutta la Val di Cecina. Un colpo che
l'economia di questo pezzo di provincia rischierebbe di non reggere e che non
si merita, tanto di più che la Smith International è un'azienda sana e innovativa" ha commentato il candidato al consiglio regionale per il Pd dopo la notizia della messa in mobilità di 193 dipendenti.

"La soluzione – secondo Pieroni – non può essere chiudere questo stabilimento, vitale per l'economia del territorio. La
diminuzione del prezzo del petrolio e il calo della domanda non possono bastare
a giustificare il sacrificio di professionalità importanti sulle quali l'azienda ha fatto investimenti, come li ha fatti sull'innovazione tecnologica. Investimenti sono stati fatti anche dalla Regione per la formazione".

Per questo, secondo Pieroni, "lo stabilimento è perfettamente in grado di stare sul mercato e di essere competitivo". Quel che serve "è aprire una trattativa che porti al tavolo anche enti locali, Regione e governo nazionale, perché in un momento in cui si parla di ripresa dell'economia, un colpo così duro alla Val di Cecina sarebbe inaccettabile".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Covid, in provincia di Pisa accertate 42 nuove positività al coronavirus in un giorno. Il dettaglio dei Comuni interessati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Imprese & Professioni

CORONAVIRUS