comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 01 dicembre 2020
corriere tv
La lezione di Burioni sull'immunità di gregge: «Vaccinarsi è un gesto di responsabilità civile, la libertà è un'altra cosa»

Attualità martedì 21 aprile 2020 ore 16:42

"La geotermia un valore aggiunto per la Fase 2"

Nuovo appello dal comitato GeotermiaSì perché si sblocchi l'impasse del settore, guardando anche alla ripartenza dopo l'emergenza coronavirus



POMARANCE — Il distretto geotermico toscano sta vivendo da circa due anni difficoltà sempre più gravi, iniziate quando con l'abolizione degli incentivi per la geotermia nel primo decreto Fer (Fer 1), si è avviata una crisi economica che, con le attuali chiusure dovute all'emergenza coronavirus, rischia di trasformarsi in una tragica ed incontrollabile recessione.

"Una crisi che, come abbiamo già avuto occasione di dire - osservano dal comitato GeotermiaSì -, impone da parte di tutti gli attori della vicenda quali governo, Regioni, Comuni, Enel, imprese, Organizzazioni Sindacali, scelte coraggiose. L'occasione della cosiddetta Fase 2 può essere l'ultima chance per un sistema imprenditoriale e sociale che interessa aree già deboli per caratteristiche peculiari".

"È necessario dunque - proseguono dal comitato in difesa della geotermia - ripartire seguendo ogni cautela sanitaria ma contemporaneamente riattivando tutti quegli strumenti che consentano nuovi investimenti oltre che il mantenimento e la creazione di lavoro. Oltre agli aiuti che il Governo sta mettendo in campo per il contrasto alla crisi, consideriamo gli incentivi per la geotermia previsti nel FER 2 uno strumento fondamentale per garantire sviluppo stabile e duraturo. In questo quadro è necessario che sia le istituzioni che Enel facciano la loro parte recuperando l’immediata riapertura dei tavoli di confronto già istituiti, superando ogni indecisione riattivando un sistema economico che c'è, offrendo opportunità e riducendo per quanto possibile la burocrazia".

Di seguito le rinnovate proposte e richieste avanzate da GeotermiaSì.

"- Semplificare in modo sostanziale le procedure burocratiche di tutte le istituzioni locali a partire dai Comuni fino alla Regione Toscana ed ai Ministeri introducendo in modo strutturale nella gestione delle stesse la telematica per la concessione di permessi e autorizzazioni, certificazioni ed attestati.

- Rendere Cosvig una struttura sempre più efficace affinché siano incrementate e sviluppate ulteriori opportunità di lavoro per le aziende geotermiche ed affinché esso possa divenire sempre più uno strumento a disposizione dei Comuni per gestire progetti interni e di area. In questo senso riteniamo utile e necessario convogliare risorse provenienti da Comuni, Provincia e Regione in un programma di sviluppo e manutenzione straordinaria delle infrastrutture viarie, di edilizia pubblica e per il funzionamento della rete a banda larga riservando, anche in questo caso, l'affidamento dei lavori alle imprese locali.

- Una presenza concreta ed un ruolo sempre più attivo della Regione Toscana all'interno delle aree geotermiche per riattivare tutti i tavoli necessari ad approntare concreti strumenti di sostegno e finanziamento per le imprese che siano snelli e di attuazione rapida. In questo senso dovrebbe essere compito della Regione Toscana favorire anche un accordo con Governo e Comuni dell’area geotermica per riattivare lavori e investimenti che adottino per quanto possibile nuove regole attraverso le quali sia possibile ad Enel derogare dalle normali procedure adottate per l’affidamento di lavori, manutenzioni, appalti e forniture nel settore dell’industria geotermica, favorendo le imprese territoriali e dunque il distretto industriale consolidato delle aree geotermiche.

Riteniamo infine patrimonio essenziale ed inestimabile, da preservare in ogni ambito, l'unità raggiunta in questi due anni a livello politico, istituzionale e sindacale tra i territori della zona tradizionale e quella dell’Amiata frutto della mobilitazione delle popolazioni di quei territori, la quale ha permesso di ottenere risultati importanti quali il mutamento dell’atteggiamento pregiudizialmente negativo di tanta parte della opinione pubblica verso la geotermia, le aperture ottenute dai vari governi, oltre che la legge Regionale che regola la materia.

Ogni deroga da questo patrimonio così faticosamente costituito non solo non sarebbe utile per i nostri cittadini, ma non sarebbe giustificata in nessun modo da chi invece ha capito che solo
attraverso l'unità delle forze e delle proposte si raggiungono risultati stabili e davvero soddisfacenti.

Il movimento GeotermiaSI si opporrà quindi a qualsiasi strappo, a qualsiasi tatticismo a qualsiasi calcolo politico possa compromettere questo patrimonio unitario. Infine, come abbiamo già avuto più volte occasione di affermare, oltre che agire sulle esigenze immediate e contingenti riteniamo indispensabile già in sede di trattativa per il Fer2, iniziare a tracciare percorsi che consentano ai territori geotermici una transizione per quanto possibile indolore in previsione dell'ormai prossimo rinnovo delle concessioni minerarie.

È del tutto evidente quindi l'esigenza di unire gli investimenti straordinari con quelli ordinari che già hanno alimentato negli anni l'economia e la vita delle nostre comunità. Il comparto geotermico non ha bisogno di assistenza ma di occasioni di sviluppo e di garanzie per il lavoro oltre che del riconoscimento della dignità, capacità e potenzialità delle sue aziende e di coloro che vi lavorano. Queste sono le risposte migliori che possono essere date dopo che un'intera Nazione si è fermata, questo è investire nel futuro ed è su questo che i nostri cittadini valuteranno le capacità e l'affidabilità di coloro che li governano ed amministrano".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca