QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 09 dicembre 2019

Politica domenica 06 ottobre 2019 ore 18:00

"Le nostre priorità? Geotermia e infrastrutture"

Con un documento il Pd torna a sollecitare Regione e Governo affinché sblocchino e rilancino gli investimenti per l'Alta Val di Cecina



POMARANCE — Il Partito Democratico dell’Alta Val di Cecina torna a porre al centro della attenzione politica locale, regionale e nazionale le questioni legate alla geotermia che, dopo il cambio di governo del paese e l'affermarsi di una nuova maggioranza in cui il Pd è diventato parte integrante, "deve tornare ad essere centrale nell'agenda del partito e dei suoi rappresentanti istituzionali, anche all'insegna del rinnovato impegno dell'attuale governo per gestire i cambiamenti climatici e sviluppare una nuova Green economy".

Le questioni legate alla geotermia che per il Pd dell'Alta Val di Cecina devono essere affrontate con urgenza sono essenzialmente il rinnovo degli incentivi e delle concessioni, gli appalti Enel e le infrastrutture.

"Dopo i mesi di mobilitazione dei territori delle zone tradizionali ed amiatine - scrivono dal Pd circa il rinnovo degli incentivi -, che hanno visto la nascita del movimento GeotermiaSI e la discesa in piazza di migliaia di cittadini nelle grandi manifestazioni di Larderello e Santa Fiora oltre la convocazione del Consiglio Regionale straordinario di Larderello, questa importante
scadenza non può né deve essere ulteriormente rinviata. Come è stato più volte affermato è stato perso anche troppo tempo ed il ritardo ha già comportato importanti effetti negativi nell'economia dei nostri territori con una grave contrazione degli investimenti (passati dagli oltre 250 milioni di euro degli anni passati alle poche decine di milioni di euro attuali), importanti difficoltà finanziarie per le nostre aziende e grosse criticità sul piano della tenuta occupazionale".

"Importanti progetti come quello di PC6 che potrebbe dare ossigeno ancora per anni alle economie dei nostri territori non hanno più ragione di restare fermi, soprattutto adesso che, con la nuova Legge Geotermica Regionale a cui il Partito Democratico ha contribuito in maniera determinante, è stata finalmente regolata la materia, stabilendo limiti di emissione che potranno essere riferimento per i nuovi obiettivi da incentivare".

"Occorre quindi che, come stabilito a luglio già col precedente governo, riparta al più presto il confronto a Roma tra MISE e Regione Toscana in cui riteniamo che il COSVIG debba essere parte integrante in rappresentanza dei Comuni geotermici. Da questo confronto ci aspettiamo che siano varati in tempi brevi i nuovi incentivi. Ciò è tanto più urgente ed importante anche in considerazione del fatto che il nostro Partito ha adesso come riferimento nell'ambito del MISE deleghe e sottosegretari.

Altra questione il rinnovo delle concessioni. "Su questo aspetto - osservano dal Pd - riteniamo che, come già anticipato dal Presidente della Regione Rossi nel Consiglio Regionale Straordinario di Larderello, già nell'ambito degli incontri per il rinnovo degli incentivi sia possibile proporre ad ENEL una proroga delle concessioni finalizzata alla ottimizzazione degli impianti attraverso i migliori criteri scientifici disponibili, con l'intenzione di procedere anche ad una
eventuale progettazione e costruzione di impianti pilota di nuova concezione. Si andrebbe così verso il rinnovo delle concessioni avendo una situazione tecnologicamente avanzata ed ambientalmente certificata, il tutto in un contesto in cui nel frattempo sarebbe dato pieno supporto economico e possibilità di crescita imprenditoriale ed occupazionale alle aziende dei territori geotermici".

Quindi la questione degli appalti Enel. "Su questo aspetto riteniamo che occorra vincolare ENEL a rispettare impegni espressi finora solo a parole, affinché l'azienda renda nota con urgenza la bozza di protocollo promessa ormai da mesi alle imprese in cui siano identificati con precisione ed in maniera condivisa criteri di concessione degli appalti che vedano una giusta ed adeguata ricaduta economica ed occupazionale alle aziende dei nostri territori, aziende che hanno ormai dimostrato nella pratica lavorativa di avere raggiunto requisiti di competenza, eccellenza tecnica e di efficienza che non hanno niente da invidiare a quelli di altre aziende nazionali ed estere. Urgente riteniamo sia inoltre il nuovo protocollo di intesa tra Enel e Regione Toscana da troppo tempo in fase di stallo che dovrebbe assicurare ricadute sui territori di parte delle risorse che l'azienda trae dai rilevanti profitti che derivano dalla riduzione e vendita dell'energia geotermica".

"Su tutto ciò riteniamo che come Partito Democratico, ad ogni livello Istituzionale ed amministrativo, primo tra tutti quello regionale, si debba agire al più presto per fare una adeguata pressione verso Enel, coinvolgendo i Comuni interessati ed anche organismi importanti come COSVIG, superando logiche localistiche ormai irrilevanti ed obsolete che in un contesto economico e politico come l'attuale non hanno più ragione di essere".

Ultima priorità per il Pd sono le infrastrutture. "A tutti questi aspetti, che riguardano direttamente la geotermia, riteniamo debbano necessariamente essere collegate anche le problematiche relative alle infrastrutture, problematiche che, soprattutto in Val di Cecina, attendono da decenni di essere affrontate; soprattutto quelle legate alla sanità, (occorrono presidi sanitari efficienti ed ed adeguati in un territorio vasto ma scarsamente popolato come il nostro), alla viabilità (occorre risolvere, ristrutturando o riprogettando, i problemi legati a vie di comunicazione diventate vetuste, difficilmente percorribili e pericolose come la SS439), ed ai collegamenti telematici (occorre terminare la messa in opera della banda larga in diversi comuni).

"Nei prossimi mesi importanti scadenze elettorali impegneranno il nostro partito - concludono dal Partito Democratico dell'Alta Val di Cecina -. Nel frattempo riteniamo che tutte queste criticità, geotermiche e non, debbano essere urgentemente affrontate e se possibile risolte, lavorando con impegno ed efficienza ad ogni livello, da quello locale a quello regionale a quello nazionale, (tanto più adesso siamo forza di governo), mettendo in campo le migliori energie dei nostri dirigenti e di tanta società civile a noi vicina; a maggior ragione se vogliamo continuare l'ottima azione amministrativa che come Partito Democratico svolgiamo storicamente nella nostra Regione ed in gran parte dei suoi territori".



Tag

Segre e Mattarella alla Prima della Scala di Milano

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca