Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA10°20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Politica sabato 10 aprile 2021 ore 08:12

Sanità, il richiamo di Uniti per Volterra

Paolo Moschi, capogruppo della Lista, torna a chiede il reparto di terapia sub intensiva all'interno dell'ospedale volterrano



VOLTERRA — "Chiedo all'Assessore Bezzini, e alla direttrice Asl Casani, se è normale il fatto che ad oggi all'ospedale di Volterra siano presenti gli anestesisti h24 ma non ci sia ancora il reparto di terapia sub-intensiva".

Lo dice Paolo Moschi, capogruppo della lista Uniti per Volterra.

"Visto che lo sforzo più importante è stato fatto, com'è possibile che, con tutti gli spazi e le strumentazioni già disponibili all'ospedale di Volterra, non siano ancora stati allestiti i posti letto? Cosa sta attualmente facendo il direttore sanitario Luca Nardi?"

"L'ospedale di Volterra, il territorio della Valdicecina e le zone limitrofi hanno bisogno di vedere operativa una terapia intensiva e ogni giorno perso si traduce in minori interventi per i cittadini. Noi vogliamo vedere nascere i posti letto promessi, anche perchè ad oggi, senza una adeguata operatività, si potrebbe configurare un vero e proprio spreco di risorse pubbliche. Pertanto Nardi ci dica entro quando avrà pronti i posti letto intensivi ed entro quando reimpiegherà i medici mancanti al nostro organico ospedaliero, visto che i pensionamenti non sono stati reintegrati", conclude Moschi.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca