comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°22° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 23 settembre 2020
Giani
863.611
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.667
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Referendum, Crimi: «Informazione libera da interessi privati»

Politica venerdì 30 ottobre 2015 ore 12:28

Si dimette dal Consiglio comunale

Con una lunga lettera Chaia Ghilli, Consigliere di opposizione con 'Sinistra Democratica', spiega i motivi per cui ha deciso di lasciare l'incarico



POMARANCE — "La decisione nasce dalla constatazione dell’impossibilità di continuare a non guardare in faccia alla realtà che chiama, con tutta la sua forza, ad una presa di responsabilità e di coscienza". Chaia Ghilli, giovane esponente del Partito Democratico della frazione di San Dalmazio, annuncia in una lettera rivolta al sindaco, agli assessori, ai Consiglieri tutti, ed agli elettori la sua decisione di dimettersi dall'incarico di Consigliere comunale a Pomarance per ragioni lavorative. L'annuncio è stato dato ieri, 29 ottobre, durante la seduta del Consiglio comunale.

Ghilli, lo ricordiamo, è stata eletta nella lista di Sinistra Democratica, che siede nei banchi dell'opposizione, alle scorse amministrative.

"Mi rammarico come militante e cittadina di aver fatto poco all'interno della Coalizione in questi ultimi mesi, subito dopo le elezioni - scrive -  Il motivo di tale assenza è piuttosto semplice: nel nostro territorio il lavoro è un miraggio, soprattutto per chi è giovane e altamente formato. Perciò io, come purtroppo tanti altri, siamo costretti a lasciare la nostra Comunità, i nostri affetti, nella ricerca di un lavoro altrove; nel mio caso Firenze"

"Credo di poter parlare ad una assemblea che conosce l’importanza del lavoro, che sa di cosa si stia parlando: mi rivolgo in particolare alla drammatica emergenza dei nostri lavoratori e lavoratrici della Smith di Saline - prosegue - Fatica e rispetto, dignità e passione: valori che sono altamente radicati nel nostro territorio, che rischia ogni giorno di più di finire nel dimenticatoio. Le condizioni nelle quali viviamo sono difficili, complicate e alle volte quasi insuperabili per chi come la sottoscritta, è quotidianamente alla ricerca della stabilità lavorativa ma la speranza c'è e ci deve essere e per questo non posso prendere in giro persone valide e motivate".

"Non sono persona da prendere le cose alla leggera e per tradizione e per educazione ricevuta dalla mia famiglia, mi è stato insegnato che se non si è sicuri di poter fare bene meglio non fare e dare così la possibilità a qualcuno di esprimere al meglio le proprie capacità e competenze - scrive Ghilli - La nostra Comunità merita rispetto così come il partito cittadino tutto e proprio nel segno di questo rispetto e amore per l'impegno faccio un passo indietro dimettendomi da Consigliere". 

"Molti forse non comprenderanno - spiega - ma poco importa: quello che conta è che si faccia chiarezza su un punto: Chaia Ghilli lascia la carica di Consigliere comunale di “Sinistra Democratica” non perché non creda nel cambiamento, non perché non abbia fiducia e speranza nel partito ma solo e soltanto perché nell'interesse del partito e della comunità, dei militanti presenti e non, dei nostri elettori ed elettrici, si possa dire che fare politica è essere presenti, vivi, dimostrando di essere radicati come il nostro partito, sul territorio, al servizio del territorio e delle persone". 

"Continuare così - aggiunge - può solo alimentare ulteriori divisioni e dimostrare l'opposto: la lontananza del partito, l'assenza della politica, quella buona, dalla nostra Comunità".

Ghilli annuncia poi che rimarrà "parte integrante della Coalizione, al servizio del partito con la consapevolezza di poter lavorare per il tempo che potrò mettere a disposizione nella giusta direzione". "Quella strada che dovrà portare la nostra Comunità ad essere sempre più vero centro di aggregazione nel quale socializzare, crescere culturalmente e socialmente, creare, agire, giovani e non, insieme - prosegue - Questo era il sogno che avevo e che ho per la nostra Comunità. Ho provato, tentato ed ho ricevuto la fiducia di tanti e tante concittadine, cercando di rimanere al mio posto, imparando dagli errori ma trovandomi, alla fine, di fronte alla realtà: la cronica mancanza di lavoro"

"Preferisco tornare al ruolo di militante - illustra ancora - che darà, quando potrà, il suo contributo nella nostra battaglia di andare oltre, di superare l'impensabile per arrivare al partito che guarda e pensa in grande, al partito che attira ed arruola iscritti"

Ghilli ha ringraziato il Consiglio tutto e gli elettori "nella speranza che possano comprendere questa scelta che non è facile ma che nasce dalla consapevolezza che bisogna avere rispetto per la politica, per la 'cosa pubblica'; il mio non è un addio ma un arrivederci".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità