QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 18 novembre 2019

Attualità mercoledì 17 settembre 2014 ore 18:05

Tornano le Cene Galeotte in carcere

Dal 19 settembre gli chef tornano a cucinare per il pubblico insieme ai detenuti nella Fortezza Medicea che ospita la Casa di Reclusione



VOLTERRA — Andrà avanti con cadenza mensile fino al 26 giugno 2015 il nuovo appuntamento con le Cene Galeotte: i grandi chef tornano a cucinare per beneficenza insieme ai detenuti della Casa di Reclusione di Volterra.
Il primo appuntamento è per venerdì 19 settembre con lo chef Gionata D'Alessi dell'Osteria Magona a Bolgheri. Come sempre, la Fortezza Medicea che ospita la Casa di Reclusione, aprirà le porte alle 19,30 per l'aperitivo, allestito nel cortile interno sotto le antiche mura. A seguire la cena, servita nella vecchia cappella dell'Istituto trasformata per l'occasione in sala ristorante con tanto di candele, camerieri e sommelier in divisa e, nel piatto, un ricco menu, accompagnato da una selezione di vini di pregio offerti da aziende vinicole toscane e non.

Le Cene Galeotte sono un'esperienza irripetibile per i visitatori, ma anche un momento vissuto con grandissimo coinvolgimento da parte dei detenuti, che grazie al percorso formativo in sala e cucina vanno acquisendo un bagaglio professionale che in ben sedici casi si è tradotto in vero impiego presso ristoranti locali, secondo l'art. 21 che regolamenta il lavoro al di fuori del carcere.
Nella cucina del carcere grandissime firme della cucina italiana fra cui Filippo La Mantia, Cristina Bowerman, Alessandro Dal Degan e Roy Caceres lavoreranno fianco a fianco gratuitamente con i carcerati per un'iniziativa unica dall'alto valore sociale e benefico. La passata edizione è stata un vero successo, con oltre 1.200 partecipanti e sono ben 11.500 i commensali serviti dalla nascita della manifestazione.
Il costo ogni cena è di 35 euro a persona e il ricavato sarà come sempre integralmente devoluto ai progetti umanitari sostenuti dalla FONDAZIONE IL CUORE SI SCIOGLIE ONLUS che dal 2000 vede impegnata Unicoop Firenze assieme al mondo del volontariato laico e cattolico.

Le Cene Galeotte sono possibili grazie all’intervento di Unicoop Firenze, che oltre a fornire le materie prime necessarie alla realizzazione dei piatti. assume i detenuti retribuendoli regolarmente. Il progetto è realizzato con la collaborazione del Ministero della Giustizia, la direzione della Casa di Reclusione di Volterra, la supervisione artistica del giornalista e critico enogastronomico Leonardo Romanelli, che provvede ad individuare gli chef coinvolti nell’evento.

Un ruolo fondamentale è inoltre ricoperto dalla Fisar-Delegazione Storica di Volterra che è partner del progetto e si occupa sia della selezione delle aziende vinicole e del servizio dei vini ai tavoli, sia della formazione dei detenuti come sommelier, di cui ben 10 hanno già positivamente svolto il corso base di avvicinamento al vino e seguiranno il percorso formativo per raggiungere la qualifica di sommelier professionali .

Per prenotazioni: Agenzie Toscana Turismo, ARGONAUTA VIAGGI (gruppo ROBINTUR), Tel. 055.2345040



Tag

Scontro Feltri-De Girolamo: «Tu mi interrompi, ma sta' zitta! Ma perché devi rompermi i c...?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca