comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 16°27° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 16 luglio 2020
corriere tv
Folle inseguimento in tangenziale: ladri in fuga gettano la refurtiva per fermare i carabinieri

Politica lunedì 05 maggio 2014 ore 12:00

Trivellazioni sul Cecina: le critiche di Sinistra Democratica Pomarance

La lista di Garfagnini chiede informazione ed evidenzia quattro criticità: rischio per la falda acquifera, ripercussioni sul sistema ambientale, turistico e ricettivo, situazione idrogeologica, conseguenze future se le perforazioni avessero esito positivo



POMARANCE — Sinistra Democratica Pomarance, la coalizione che candida Marco Garfagnini a sindaco, interviene in merito ai sondaggi geotermici previsti nel territorio pomarancino evidenziando le criticità ai due pozzi in quattro punti: il rischio per la falda acquifera, le ripercussioni sul sistema ambientale, turistico e ricettivo, la situazione idrogeologica del Cecina, le conseguenze future se le perforazioni avessero esito positivo.
"Quali garanzie ci sono - si domanda il centro sinistra - in merito alla perforazione della falda acquifera superficiale del fiume Cecina?" Per la lista di Garfagnini "il minimo rischio di inquinamento della falda acquifera sarebbe intollerabile".
In merito alle "ripercussioni e alle compensazioni previste relativamente al sistema ambientale, turistico e ricettivo" per Sinistra Democratica vanno valutate "la rumorosità delle attività estrattive, l’impatto visivo degli impianti, la viabilità all’interno di un percorso naturalistico molto apprezzato sul fiume".
"Valutato il regime ormai torrentizio del fiume Cecina - si chiede la lista di Garfagnini - le 'necessità' dell’impianto sono compatibili con l’attuale situazione idrogeologica?" "Se questo impianto non ha ripercussioni dirette sul Masso delle fanciulle essendo localizzato a valle - scrive il centro sinistra - potrebbe averne indirettamente a causa dei prelievi idrici subito dopo il bacino di Puretta".
Sinistra Democratica si chiede, infine, che cosa accadrebbe se le perforazioni andassero a buon fine: "in caso di risultati negativi dovrebbe essere garantito il ripristino completo ed immediato dei luoghi; ma in caso di risultati positivi si pensa di valutare se e come far realizzare una centrale a ciclo combinato?"
Per Sinistra Democratica Pomarance "in questa fase, sono condizioni imprescindibili ad una corretta valutazione del progetto e a tutela dei cittadini: l'analisi puntuale delle attività di sondaggio previste, uno studio completo delle ripercussioni ambientali, la chiarezza nei confronti dei cittadini, un Tavolo aperto con tutti gli Enti interessati dai Comuni dell’Alta Val di Cecina fino alla Regione Toscana, per una analisi completa di ogni singola problematica". Infine, la lista chiede di "informare i cittadini di ogni passaggio che viene fatto, con aggiornamenti continui e con il rispetto di ogni posizione, evitando scelte verticistiche o nascondendo informazioni importanti".
"Riteniamo che la localizzazione nel Comune di Pomarance e la vicinanza con il Masso delle Fanciulle - scrive la lista di centro sinistra - non siano i punti dai quali partire per muovere una critica". Sinistra Democratica attacca il sindaco in carica: "non possiamo lamentarci della localizzazione nel nostro territorio: sono cose da 'NIMBY' (non nel mio cortile), non da Sindaco". E ancora: "un percorso di questa portata deve essere concertato con i cittadini, non si può tollerare che la 'democrazia partecipativa' sia rimandata ad una assemblea dei proponenti, che si è svolta nel silenzio più assoluto, con appena 10 persone, addirittura in contemporanea con la conferenza dei capigruppo sul tema del Pomarancio, impedendo anche la partecipazione di quest'ultimi".  "Non è trascurabile - aggiunge la lista di Garfagnini - la considerazione che in quella stessa zona, esattamente pochi metri più a monte, è aperta la delicata ed ancora irrisolta vertenza relativa alla cava di Sant’Emilia".
"Invece di porre questioni sulla eventuale localizzazione degli impianti - secondo Sinistra Democratica Pomarance - si dovrebbe operare congiuntamente con gli altri Enti, Associazioni e gruppi politici del territorio, per rafforzare la difesa e valorizzazione di tutto il corso del fiume Cecina: questa politica isolazionista, chiusa al solo territorio comunale, si presenta debole e di corto respiro".
Fonte: Sinistra Democratica Pomarance



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Cronaca