QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 22°28° 
Domani 22°36° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 27 giugno 2019

Attualità sabato 28 marzo 2015 ore 12:25

Truffe e furti: ecco come difendersi

Un incontro pubblico promosso dall'amministrazione comunale in cui i carabinieri hanno fornito ai cittadini alcuni suggerimenti utili



MONTESCUDAIO — Un incontro pubblico, organizzato dal Comune di Montescudaio sul tema della legalità tra la popolazione durante il quale i militari della Compagnia dei carabinieri di Volterra hanno fornito alla popolazione alcuni utili suggerimenti per fronteggiare reati quali truffe in danno degli anziani e furti in abitazione. L'appuntamento si è svolto ieri, 27 marzo alle ore 18 presso “il Bar della Polisportiva” in località Fiorino alla presenza del sindaco Simona Fedeli, del Comandante della Compagnia Carabinieri il tenente  Marco Sannino ed il Comandante della Stazione di Guardistallo, il luogotenente Paolo Loprencipe

TRUFFE. I militari hanno sottolineato che il truffatore, approfittando della buona fede delle persone per farsi aprire la porta ed introdursi nelle case, può presentarsi spesso come una persona distinta, elegante e particolarmente gentile. Dice di essere un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell'INPS, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas e talvolta anche un appartenente alle forze dell'ordine. I carabinieri ricordano che non bisogna fidarsi delle apparenze: di solito il controllo domiciliare delle utenze domestiche viene preannunciato con un avviso che indica il motivo, il giorno e l'ora della visita del tecnico. 
Gli uomini dell'Arma forniscono suggerimenti pratici: non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa; diffidate degli estranei che vengono a trovarvi in orari inusuali, soprattutto se in quel momento siete soli in casa; prima di far entrare qualcuno, accertatevi della sua identità ed eventualmente fatevi mostrare il tesserino di riconoscimento, ma nel caso in cui abbiate ancora dei sospetti o c'è qualche particolare che non vi convince, telefonate all'ufficio di zona dell'Ente e verificate la veridicità dei controlli da effettuare. Inoltre, è opportuno fare attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall'altra parte potrebbe esserci un complice. E' opportuno tenere a disposizione, accanto al telefono, un'agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Enel, Telecom, Acea, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità. Inoltre, i carabinieri invitano a non dare soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo e a mostrare cautela nell'acquisto di merce venduta porta a porta.

FURTI. Anche per quanto attiene ai furti i militari hanno fornito alcuni semplici accorgimenti per rendere maggiormente sicura la propria abitazione. Partendo dal presupposto che i ladri in genere agiscono dove ritengono vi siano meno rischi di essere scoperti, come un alloggio momentaneamente disabitato, un ruolo fondamentale assume la reciproca collaborazione tra i vicini di casa in modo che vi sia sempre qualcuno in grado di tener d'occhio le abitazioni e che contatti immediatamente i numeri di emergenza anche solo per segnalare la presenza di persone sospette.
Alcune semplici regole: ricordate di chiudere il portone d'accesso e di attivare l’allarme; non aprite se non sapete chi ha suonato; dotatevi di idonee misure di sicurezza passive (dispositivi antifurto, telecamere, inferriate, porte blindate); non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti; accertatevi che la chiave non sia facilmente duplicabile; illuminate con particolare attenzione l'ingresso e le zone buie; non mettete al corrente tutte le persone di vostra conoscenza dei vostri spostamenti (soprattutto in caso di assenze prolungate); se abitate da soli, non fatelo sapere a chiunque; nei casi di breve assenza, o se siete soli in casa, lasciate accesa una luce o la radio in modo da mostrare all'esterno che la casa è abitata.
I militari ricordano anche che i primi posti esaminati dai ladri, in caso di furto, sono gli armadi, i cassetti, i vestiti, l'interno dei vasi, i quadri, i letti ed i tappeti. Consigliano, inoltre, se avete degli oggetti di valore, fotografateli e riempite la scheda con i dati considerati utili in caso di furto.

I carabinieri hanno sottolineato come sia fondamentale un rapporto attivo tra la popolazione e le forze dell’ordine, invitando i cittadini a segnalare prontamente ogni evento giudicato sospetto.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Attualità