QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 21°32° 
Domani 21°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità domenica 29 gennaio 2017 ore 10:00

A trent'anni dalla morte di Cassola

Carlo Cassola

Il 29 gennaio 1987, lo scrittore legato a Volterra moriva a Montecarlo di Lucca dove è sepolto nella tomba realizzata dall’amico scultore Mino Trafeli



VOLTERRA — Il 29 gennaio 1987, a Montecarlo di Lucca, moriva Carlo Cassola. Lo scrittore, importante per molte generazioni, amato per i suoi scritti, apparentemente semplici, ma capaci di raccontare il cerchio luminoso della vita, le umili esistenze, aveva vissuto gli ultimi anni della sua vita in solitudine. La scelta disarmista, la riscoperta dell’impegno civile in anni di edonismo sfrenato avevano creato attorno a lui incomprensione e avversità. A distanza di trenta anni, la critica torna a confrontarsi con il suo lavoro, iniziato alla fine deli anni Trenta e concluso solo dalla morte, scoprendo e valorizzando il suo percorso poetico e la sua centralità nella letteratura italiana contemporanea. Nel 2017, doppia ricorrenza perché era ricorre anche il centenario della nascita (17 marzo 1917), ci saranno moltissime iniziative non solo per ricordarlo, ma per parlare di un narratore che ha anticipato molti dei drammi della nostra storia attuale.

Il legame tra lo Carlo Cassola e Volterra è sempre stato estremamente profondo. Nella città, infatti, ha abitato per alcuni periodi e ha vissuto l’entusiasmante esperienza del secondo dopo guerra. Qui, inoltre, ha ambientato romanzi e racconti tra cui Fausto e Anna, La ragazza di Bube e I vecchi compagni.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità