Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA16°26°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden fa la terza dose del vaccino Pfizer in diretta tv

Cultura lunedì 19 settembre 2016 ore 13:00

Il romanzo incompiuto di Cassola

Carlo Cassola

La città etrusca al centro di un’opera inedita dello scrittore, che si proponeva di raccontarne le vicende a partire dal 1819



VOLTERRA — Una biblioteca non è solo quello che dice il nome, una raccolta di libri, ma è anche collezione, note a margine, appunti e pagine scritte e lasciate dai lettori fra i testi consultati. È, quindi, il magico luogo di incontro tra gli organizzatori e i depositari di molti sogni.

Nella Biblioteca Comunale di Volterra, accanto alle opere di Carlo Cassola, presenti in tutte le edizioni, dalle prime alle ristampe, legate a tutti gli editori che di lui si sono occupati, ci sono anche molti inediti che fanno parte della raccolta conservata nella casa dello scrittore a Montecarlo di Lucca.

Fra questi spicca il progetto di un romanzo storico che doveva, nelle intenzioni di Cassola, essere un monumentale affresco sociale interamente ambientato a Volterra e che avrebbe visto la città etrusca come la protagonista indiscussa.

L’opera, il cui titolo sarebbe dovuto essere Il vecchio e il nuovo, si proponeva di raccontare le vicende a partire dal 1819, con l’arrivo in città di un turista di eccezione, Marie-Henri Beyle, alias Stendhal, fino all’arrivo dei partigiani della XXIII Brigata Garibaldi nella piazza dei Priori nel 1944: dalla città ancora dominata dai nobili, alla formazione di una nuova classe dirigente, quella nata nella Resistenza.

Le riflessioni sul romanzo risalgono al periodo tra l’immediato secondo dopo guerra e la fine degli anni Sessanta; questi scritti comprendono una dettagliata galleria dei personaggi, alcuni realmente esistiti, altri inventati dalla fantasia del narratore e, inoltre, includono la stesura (sono presenti cinque diverse versioni) del primo capitolo e di altre parti dell’opera riferiti sia all’Ottocento sia ai primi del Novecento.

Il documento, oltre a essere, assieme alle altre carte conservate, uno strumento per gli studiosi è anche una testimonianza dell'amore dello scrittore per la sua città di elezione. Non a caso la sua acquisizione era stata voluta fortemente dal giovane direttore della Biblioteca di allora, Angelo Marrucci, dal vicesindaco Renato Bacci e da Daniele Luti, studioso di Carlo Cassola, che hanno sempre incoraggiato la conoscenza della storia di Volterra, vista come parte non trascurabile della nostra storia nazionale.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Disagi per l'ondata di maltempo anche in Valdicecina. A Castelnuovo un fulmine ha colpito un cedro nei giardini pubblici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità