comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 24°34° 
Domani 21°36° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 agosto 2020
corriere tv
Viviana Parisi, procuratore Cavallo: «Tutte le ipotesi sono aperte, cerchiamo ancora il bambino»

Attualità mercoledì 08 luglio 2020 ore 10:38

Foresta di Tatti, nuovo piano di gestione

L'assessore Bettini: "Su mio sollecito la precedente amministrazione ha partecipato al bando per avere nuove risorse. Tatti area di interesse europeo"



VOLTERRA — L'assessore all'ambiente Davide Bettini è intervenuto per parlare della gestione della foresta comunale, che riprende.

"Avevo sollecitato da tecnico la precedente amministrazione a partecipare al bando regionale PSR 2019 per reperire risorse e ridare finalmente una gestione alla nostra foresta comunale, dopo circa 10 anni di abbandono. Il sollecito fu accolto e per fortuna il bando ha avuto buon esito, consentendoci a breve di avere un nuovo piano di gestione per la foresta di Tatti". Il bando è di circa 90mila euro.

Bettini ha spiegato che Tatti, da molti anni, è considerata una foresta "di interesse europeo come Zona Speciale di Conservazione, una tra le foreste più importanti in Italia per la presenza della quercia rovere, una foresta che sin dal Medioevo ha avuto un forte e peculiare legame con Volterra ed i suoi abitanti. Il bosco svolge oggi una importante funzione a livello di conservazione della biodiversità, a livello ricreativo, educativo e scientifico ed è oggetto di numerosi studi a livello europeo". 

"Il nuovo Piano di Gestione - ha concluso Bettini - cercherà ovviamente di valorizzare queste funzioni ma nello stesso tempo valuterà la possibilità di riattivare alcuni tagli ai fini della produzione legnosa. Se questo sarà possibile è intenzione dell’Amministrazione creare una piccola economia circolare ed utilizzare le biomasse prodotte per efficientare dal punto di vista energetico edifici pubblici nella città. Il finanziamento consentirà anche di svolgere manutenzioni straordinarie all’area di sosta in località Dispensa, attraverso il posizionamento di nuovi tavoli, la realizzazione di un nuovo braciere ed altri arredi. Un importante obiettivo del progetto la realizzazione di un percorso didattico nella foresta con partenza ed ritorno in località Dispensa; un percorso finalizzato ad attività di educazione ambientale e comunque a disposizione di tutti per cogliere al meglio gli straordinari valori del nostro bosco comunale".

Note storiche sulla Foresta di Tatti

Sin dal Medioevo la foresta di Tatti ha avuto un forte e peculiare legame con Volterra ed i suoi abitanti. Posseduta da sempre dal Comune di Volterra (l’atto di acquisto risale al 18 marzo 1280), era destinata al legnatico per la popolazione, cui era invece negato qualsiasi diritto sul contiguo bosco di Berignone. L’intero bene fu oggetto di disputa tra la potente famiglia Guarnacci di Volterra ed il Comune stesso che però ne ha mantenuto sempre la proprietà lasciando ai Guarnacci il diritto di pascolo su una parte significativa del bosco, quella che oggi vede la tipologia di vegetazione più importante, il popolamento di rovere.

Il diritto di legnatico da parte del popolo di Volterra continuò fino alla fine del XIX secolo (ancora nel 1730, in un documento delle Reali Possessioni, si legge che “[…] nella selva di Tatti composta di legname di ogni sorta, tutti hanno la facoltà di legnare e si vende annualmente allo incanto e così se ne ricava lire 80 [A.S.F. – RR. Possessioni, archivio Prof. Gabrielli]. In effetti Tatti era considerato il «bosco dei poveri», ove la legna da ardere veniva raccolta senza alcun criterio e senza alcuna sorveglianza da parte delle guardie comunali impegnate in altre mansioni ritenute preminenti. Nel XIX secolo, al fine di risolvere questi problemi e di coordinare, sfasandoli, l’esercizio del pascolo dei Guarnacci con il diritto di legnatico, il Gonfaloniere della Comunità di Volterra Niccolò Maffei incaricò il sig. Paolo Pelagatti di redigere una descrizione e stima dei boschi, che fu consegnata nel 1867. La descrizione fatta dal Pelagatti, riferiva che il Bosco di Tatti era “[...] ricco di piante d’alta cima e di forteto, e che sotto tutti i rapporti dimostra grande forza vegetativa” [Maffei N. – Pelagatti P., Sui Boschi di Tatti e Brenti, Volterra 1867-68)]; un bosco quindi che, come oggi, associava formazioni mediterranee a forteto con tratti di foresta di alto fusto di varia composizione.

Fra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 terminano la pratica del legnatico e quella del pascolo; il bosco entra nel pieno godimento del Comune che lo gestisce prima in maniera disorganizzata e dal 1935 in poi con un vero e proprio piano dei tagli per la produzione di carbone e cannella. La parte adibita a pascolo continuò ad avere anche funzioni per la produzione di legname da opera e da lavoro in quanto vi veniva praticata una diversa gestione. Nel Piano Economico del Bosco di Tatti, con validità 1936-1976 (redatto dall’Ing. Augusto Gayer), si indicava di preservare al taglio soprattutto la quercia rovere più adatta alla produzione di legname da lavoro. La pratica del pascolo, prima, e poi queste indicazioni, hanno favorito sicuramente la presenza oggi dell’importante popolamento di rovere.

Da 1976 al 2012 il bosco è stato gestito dalla Comunità Montana “Alta Val di Cecina” che, fin dal primo Piano di Gestione del 1982, ha sempre privilegiato la funzione conservativa rispetto a quella produttiva, pur continuando ad intervenire con tagli cedui su porzioni limitate e nelle formazioni di minore pregio.

La foresta ha mantenuto nel tempo un forte legame con la popolazione di Volterra che ancora oggi individua in Tatti il “suo bosco”. È il bosco più frequentato dai Volterrani sia in forma individuale che associata, è il punto di riferimento per qualsiasi iniziativa che riguardi il rapporto tra la città ed il territorio aperto. Il bosco svolge oggi anche una importante funzione scientifica e didattico-educativa, in particolare in ambito scolastico, essendo punto di riferimento per numerose esperienze, dalle scuole materne fino alle esercitazioni e alle ricerche universitarie. Dal 2012 il bosco è gestito dal solo Comune di Volterra con la Regione Toscana che ha la competenza rispetto agli obiettivi di conservazione derivanti dalla presenza del Sito di Interesse comunitario e Zona Speciale di Conservazione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Elezioni 2020

Cronaca