comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:VOLTERRA14°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 27 novembre 2020
corriere tv
Napoli, davanti al San Paolo l'emozionante omaggio dei tifosi: cori e fumogeni per Maradona

Politica giovedì 15 agosto 2019 ore 08:00

Servizi ridotti in ospedale, ancora polemiche

Critiche alla Cgil e al sindaco giungono, rispettivamente, da Sos Volterra e da Per Volterra. Il medico infortunato, intanto, ha ripreso servizio



VOLTERRA — Sebbene l'improvvisa e breve assenza, a seguito di un infortunio, del professor Vallini abbia provocato disagi assai limitati in ospedale, le polemiche politiche sul caso non si placano. Da Sos Volterra piovono critiche sulla Cgil, mentre il movimento civico Per Volterra torna ad attaccare il sindaco Giacomo Santi. 

"Abbiamo visto con un certo sconcerto che la Cgil, anziché chiedersi come mai si chiude un servizio, dirottando le urgenze ortopediche su Pontedera se un lavoratore incorre in un infortunio, punta il dito verso presunti 'campanilismi' - questo l'intervento di Sos Volterra -. Concordiamo con la Cgil quando dice che ci vuole una strategia e che la salvezza non consiste nel far rimanere tutto immutato, ma mentre parliamo di questo, non si può evitare di vedere delle anomalie macroscopiche come quella che è appena avvenuta a Volterra. E neppure si può fare finta di nulla, per non alimentare discussioni sull'Ospedale. Alla fine la vittima, in questa logica, diviene carnefice, mentre noi denunciamo giustamente un problema eclatante, che va a minare la fruizione del Diritto alla Salute. Siamo addirittura alle comiche, perché chi ha gridato all'interruzione di pubblico servizio, ha poi pensato bene di non far seguire alcuna denuncia formale del disservizio constatato. Noi invece, coerentemente, stiamo allestendo una memoria per il Difensore Civico regionale, che verrà avvertito di ciò che è stato deciso, ai danni della nostra comunità". 

"Il fatto che tutto non possa rimanere immutato - hanno aggiunto da Sos Volterra -, per noi significa che dobbiamo andare avanti, non indietro. Questo messaggio lo daremo forte e chiaro alla ASL, durante il Consiglio Comunale aperto, che, seppur tardivamente il Comune ha accettato di convocare a Settembre sull'Ospedale. Per tornare all'articolo della Cgil, con Pontedera possono esserci anche delle logiche a rete, ma che mai questa rete sia a scapito delle esigenze di questo territorio e soprattutto che nei servizi ci sia sempre pari dignità. Questo punto basilare, la nostra comunità lo pretende e sarà l'unica base per un possibile dialogo con Pontedera o con chissà chi altri".

Salutando positivamente il rientro anticipato del dottor Vallini, da Per Volterra sottolineano invece che "nessun atto significativo, a parte le enunciazioni di principio, è però arrivato in questi lunghi giorni da parte dell'Amministrazione Comunale, nonostante qualcuno avesse evocato l'interruzione di pubblico servizio, chiaramente solo a parole. Questa storia è stata gestita in modo inefficace perché di fatto il silenzio e la forza dell'inerzia ha dato, nel concreto, la possibilità all'ASL di applicare senza resistenza i propri diktat. Aspettiamo ora il Consiglio Comunale aperto per avere un confronto con l'ASL e confermiamo il giudizio iniziale. La prima vera emergenza è stata gestita da impreparati, con risultati che sono oggettivamente sotto gli occhi di tutti. Avevamo anche proposto all'Amministrazione una soluzione immediata da proporre ad Asl per cercare di risolvere il problema, ma per quanto ci ha dichiarato il Sindaco non è stata neanche prospettata all'Azienda. Precisiamo, per correttezza, che una strenua resistenza avrebbe potuto anche non sortire effetti positivi nell'immediato, ma l'ASL avrebbe avuto la sensazione di una difesa del territorio, di un attaccamento che avrebbe avuto almeno lo scopo di far capire che non può sospendere improvvisamente un servizio senza avere un piano B, senza che l'amministrazione comunale insorga e pretenda correttezza". 

"Purtroppo - concludono da Per Volterra - la mancata presa di posizione collettiva e la mancata comunicazione con i cittadini da parte del Sindaco non hanno dimostrato tutto questo. Pensiamo che l'ASL in realtà abbia capito che non ci sono state né resistenza, né richieste a vantaggio della nostra comunità e dei territori che fanno riferimento a Volterra, anch'essi minimamente coinvolti nella reazione a questo affondo al diritto alla salute. Non è che fra un po' l'ASL ci porta i numeri del tasso di occupazione dei posti letto ridotto, giustificando così i tagli che ha sempre voluto fare?"



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità