Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA17°29°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
AstraZeneca, Draghi: «Cordoglio per morte Camilla, complicato ricostruire responsabilità»

Politica martedì 05 maggio 2020 ore 19:05

Ospedale, quale futuro per i posti letto?

Lo chiede il consigliere della lista civica Uniti per Volterra Paolo Moschi, dopo la annunciata "rivoluzione" all'interno del nosocomio



VOLTERRA — "Da voci sindacali, ma anche da semplici lavoratori interni si sente parlare di una vera e propria rivoluzione all'interno dell'Ospedale di Volterra.Sentiamo parlare di importanti trasferimenti, come quelli dell'Inail su un solo piano, lo spostamento della direzione amministrativa e dell'intera Medicina, così come lo spostamento della zona Day Hospital.La Medicina dovrebbe andare nel piano sottostante l'attuale Inail, e altre vicende non sono ancora chiare", dice Moschi.

"Al posto dell'attuale Medicina si parla di inserire le famose Cure Intermedie, con nuovo personale appena attinto dal bando regionale, ma dimenticando forse che si tratta di posti letto non ospedalieri.Alla luce di queste novità abbiamo tre domande importanti da rivolgere alla Direttrice generale dell'Asl Nord-Ovest Casani." 

"La prima", chiede Moschi: "Perchè non condividere con la cittadinanza simili rivoluzioni? Possibile che i cittadini debbono sempre vedersi calati dall'alto ogni tipo di cambiamento? C'è qualcosa da nascondere forse?La seconda e più importante: i nuovi 20 posti letto per le Cure Intermedie, saranno mica sottratti dagli attuali posti letto presenti nell'Ospedale? Siamo a 54 posti letto, un numero già inferiore a quello necessario per abitanti. Sappiamo di tecnici che stanno studiando "soluzioni" per sottrarci ulteriori posti per acuti, magari adducendo motivazioni come alcuni tassi di occupazione, tralasciando però il fatto che l'Ospedale solo negli ultimi mesi ha visto la sottrazione di numerosi medici, chirurghi, ortopedi, non rimpiazzati. Una situazione forse voluta e alla quale ancora non è stata data risposta. 

Noi non permetteremo un ulteriore taglio di posti letto e siamo pronti ad ogni tipo di azione se dovesse succedere una cosa simile. Terza domanda: dalla Asl ci si vanta di voler portare più interventi di piccola chirurgia all'Ospedale di Volterra, dove sono presenti delle ottime sale operatorie. Siamo favorevoli, se questo vorrà dire avere personale stabile e dedicato (cosa non scontata) ma non capiamo come potranno sentirsi sicuri di operare i medici in assenza di una Terapia Intensiva." 

"I cittadini dell'Alta Val di Cecina - conclude Moschi - dopo 20 anni di tagli che hanno messo in discussione la sussistenza della Sanità in loco, sono stanchi di discorsi e rassicurazioni, e attendono fatti concreti. Sicuramente non sarà facile illudere, ancora una volta, una cittadinanza tanto provata, ma che ha iniziato ad aprire gli occhi, sopratutto sulla questione Ospedaliera".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ancora un disservizio sul territorio e il Comune dice che "Non è tollerabile che si verifichino così sovente queste problematiche"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità