QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°25° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 24 settembre 2019

Politica venerdì 08 aprile 2016 ore 13:05

"Porteremo il caso Locatelli in consiglio"

Un momento della riunione della commissione costa

Alla tappa pisana della commissione costa i consiglieri regionali Mazzeo, Pieroni e Nardini si sono detti preoccupati per la situazione dell'ex Salina



VOLTERRA — “Quello che sta accadendo alla Locatelli ci preoccupa sempre di più. Nell’arco di una settimana sono state licenziate tre persone, due delle quali, ricordiamo, erano appena rientrate dalla maternità. Siamo sconcertati e così come abbiamo fatto la settimana scorsa, esprimiamo solidarietà ai dipendenti e alle loro famiglie. Porteremo il caso tra i banchi del Consiglio regionale e nei prossimi giorni chiederemo un incontro con i sindacati per approfondire al meglio la situazione”, così Antonio Mazzeo, Andrea Pieroni e Alessandra Nardini consiglieri regionali del Partito democratico, intervengono sulla situazione dell’ex Salina di Volterra, nel corso della tappa pisana della Commissione Costa con la quale organizzeranno incontri anche in Val di Cecina.

“A questo punto chiediamo alla proprietà di scoprire le carte e di chiarire una volta per tutte le intenzioni per lo stabilimento volterrano, rilevato, ci teniamo a sottolineare, non senza un contributo e un impegno preciso da parte della Regione Toscana che nei mesi scorsi, tra le altre cose, aveva messo a punto un piano di rientro del debito che l’azienda aveva contratto con Eni ed Enel, ed è parte attiva nell’accompagnare e favorire l’arrivo di nuovi partner industriali – continuano Mazzeo, Pieroni e Nardini - Porteremo la questione tra i banchi del Consiglio regionale, presentando a breve giro una mozione per chiedere alla Giunta un monitoraggio speciale su ciò che sta accadendo allo stabilimento e per verificare le intenzioni del marchio. Quello di Saline di Volterra è un presidio che non abbiamo nessuna intenzione di veder indebolire sottotraccia, senza alcun tipo di spiegazione e progettualità per il futuro. Da una parte siamo di fronte a uno svuotamento progressivo di competenze, dall’altra, a un incremento del personale. L’atteggiamento è incoerente e schizofrenico: inasprisce i rapporti e indebolisce la dialettica di questo passaggio. Metteremo in campo tutti gli strumenti necessari per uscire da questa fase di incertezze e di ingiustizie”.



Tag

Giornata mondiale dell'Alzheimer: cosa si prova quando gli oggetti non hanno più senso?

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Cronaca

Attualità