Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:VOLTERRA12°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson&Johnson, l'immunologa Viola: «Nessun trambusto. Nessun caso sugli over 60»

Attualità martedì 24 novembre 2015 ore 16:25

"Quella strada è fuori norma da 50 anni"

Dopo il tir ribaltato fra Lajatico e Volterra interviene l'assessore Moschi: "un ruolo anche in questo incidente lo ha giocato la carreggiata stretta"



VOLTERRA — "Possibile che il traffico lungo l'asse Nord-Sud della Provincia di Pisa debba essere questo, con una strada per venire a Volterra fuori norma da almeno 40-50 anni?" A chiederselo è l’assessore alle opere pubbliche del Comune di Volterra Paolo Moschi, a seguito dell’incidente di questa mattina tra il Molino d'Era e il bivio per Pontedera, in località Ponte all'Alpino. 

"Un tir è scivolato con il rimorchio nel fosso – spiega l’assessore in una nota - Non voglio entrare nelle dinamiche dell'incidente, certo è che un ruolo importante anche in questo incidente lo ha giocato la strettezza della carreggiata della 439 Dir, che ad oggi, Anno Domini 2015, non arriva ai 6 metri, ed è fuori da ogni normativa riguardante le strade regionali, ma anche di categoria inferiore".

Nell'incidente non sono stati coinvolti altri mezzi e fortunatamente il conducente non è rimasto ferito, ma sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco anche con un'autogru per riportare il mezzo in carreggiata, oltre a polizia e carabinieri arrivati da Volterra.

"Per fortuna il tir era senza carico è si è evitata una perdita di materiali o liquidi - prosegue Moschi - Intanto la viabilità per Pisa e Valdera è rimasta interrotta per un'ora e mezza"

"L'anno scorso diversi mezzi sono così usciti fuori strada, tra cui un autobus di linea con i ragazzi delle scuole e un autoarticolato francese. - ricorda l'assessore che rivolge un "appello ancora una volta, a tutte le istituzioni della nostra Regione". "Volterra è una città ed ha diritto a delle infrastrutture a norma - spiega - Siamo un centro erogatore di servizi, e questi sono sempre più svantaggiati proprio a causa di una viabilità non in sicurezza". 

"Chiedo più giustizia sociale alle istituzioni, che significa un piano straordinario per la viabilità volterrana - conclude l'assessore del Comune etrusco - Ammetto che una maggiore sensibilità da parte di qualcuno è recentemente emersa: adesso dobbiamo lavorare uniti e con delle intenzioni chiare, perchè Volterra, prima di essere un patrimonio dell'umanità, è un patrimonio della Toscana tutta e come tale va messa in sicurezza".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' stato registrato a Volterra l'unico nuovo caso Covid positivo delle ultime ore in Valdicecina. I numeri delle vaccinazioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport

Cronaca