Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA10°20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Attualità martedì 12 giugno 2018 ore 14:30

Sogno Etrusca, è promozione in serie D

La società figlia dell'unione delle realtà pallavolistiche di Saline e Volterra ha vinto il campionato di 1a Divisione e poi i playoff contro Piombino



VOLTERRA — Tutto vero. Al fischio finale del quarto set contro Piombino non ci credono nemmeno loro, eppure l'Etrusca Volley è riuscita nell'ardua impresa. Dopo la vittoria del campionato di Prima Divisione, la squadra della società figlia dell'unione della Polisportiva Saline e della Pallavolo Volterrana, ha vinto anche i play off e conquistato la meritata promozione in serie D.

Soddisfazione da parte di tutta la società e del direttore sportivo Paolo Fidanzi: "Questa squadra ha compiuto un’impresa, ha messo un sigillo sul sacrificio fatto dalla società nell'impegnarsi a portare avanti un progetto ambizioso, ha onorato la propria maglia, ha regalato alla propria città una pagina di storia ed infine, la cosa più importante, ha dimostrato a se stessa di avere un valore prezioso e con la firma dorata apposta sulla vittoria ha messo a tacere tutti coloro che in un modo o nell'altro, hanno dubitato. Dire brave non è giusto, sono state molto, molto di più e forse ancora non hanno realizzato la portata della grandezza di ciò che hanno fatto, ma noi, sì. Grazie a questa Prima Divisione, che adesso con gioia salutiamo per dare il benvenuto ad una tanto sofferta quanto desiderata serie D. Ai nostri tifosi sostenitori, parte integrante di questa vittoria, a tutti coloro che sono stati presenti in quel 9 giugno memorabile, a partire dall'amministrazione comunale fino a giungere agli immancabili in prima fila; a chi è venuto in palestra e non ci entrava da anni; a chi quella palestra la pulisce ogni giorno; a chi da lontano ci ha seguito; a chi da vicino non ci ha mai abbandonato; a chi ha remato contro e ci ha stimolato; a chi non lo voleva ma ahimè, gli è andata male; a chi invece lo voleva, eccome se lo voleva; ai dirigenti storici, colonne portanti; a quelli nuovi, linfa energizzante; all'Etrusca Volley che se l’è proprio meritato per aver creduto in un’unione figlia di un grande futuro; a questa maglia rosso bianco blu, nata da soli due anni e già titolata".

Fidanzi ha poi voluto ringraziare a uno a uno i componenti della squadra, staff e atlete: "Andrea De Marinis, ex atleta professionista che con determinazione, dedizione e tanta voglia di arrivare ha guidato questo gruppo portandolo al successo; Frayeli Alvarez Antonio, con il suo sorriso ed il suo talento arriverà lontano; Giovanna Orlandini subentrata in un difficile e delicato momento ma sempre pronta a dire si quando è stata chiamata; Romina Fidanzi sempre presente, giovane promettente con tanta voglia di imparare; Alessia Gervasio stoica, pronta a qualunque sacrificio pur di essere presente; Ginevra Franchi cresciuta tantissimo nell’ultima stagione, in cui si è trasformata da una giovane inesperta ad una pedina importante del sestetto; Nicole Fidanzi, sulle sue spalle un fardello di molti più chili del suo peso, ma con un carattere così, può reggere qualunque responsabilità e nel momento decisivo, è stata determinante; Giulia Gasperini, un’atleta modello, l’ha fermata solo un’infortunio non ancora recuperato ma nonostante questo anima viva dentro la squadra; Claudia Santi, tornata a calcare il parquet dopo un periodo di riflessione ma ripartita con la stessa grinta, lo stesso cuore e (se possibile) ancora più passione di prima; Valentina Rando, il sole della sua bella Sicilia la fa brillare nei 9 metri di campo, in cui nessun centimetro è irraggiungibile per lei, un Libero puro e tenace; Greta Granchi, un martello pneumatico perforante i muri avversari, volterrana doc che tra un diah verai ed un boia ha trascinato la squadra verso l’obiettivo in cui credeva fermamente; Alessia Giustarini, la centralona dalle spalle forti, terrore di tutti gli avversari che l’hanno incrociata e punto di forza per noi che ci siamo affidate alle sue urla di esultanza dopo i punti fatti, cuore grande davvero; Claudia Bruschi, un C1 fuori categoria, lo pensano tutti tranne lei, ma i numeri parlano chiaro, miglior centrale del campionato, anche se la sua vera forza sta nella razza purosangue fatta di adrenalina e spontaneità, voleva questa vittoria e nessuno poteva fermarla; Chiara Sandrini, 180 cm di cuore che batte all'impazzata nei momenti difficili ma che trova sempre il ritmo giusto per far girare la squadra, mani precise e testa brillante, in mano sua la squadra è al sicuro, ha perso 10 anni di vita ma li ha investiti tutti in questa conquista; Elena De Santi, l’ultima della lista perché la prima dei combattenti, il nostro capitano, colei che incarna l’immagine di questa società e veste i nostri colori onorandoli, sempre; il giocatore più completo, una vera guerriera che si nasconde dietro un’armatura di timidezza ed umiltà ma quando scende in campo, non conosce ostacoli, gioco quest’anno, e se non vinco il campionato smetto, così disse a settembre, queste le sorti: volli, fortissimamente volli! A tutti questi - ha concluso Fidanzi -, il nostro grazie, per l’impresa compiuta, la conquista ottenuta e per aver dato voce ai nostri silenzi, nel modo più nobile, con i fatti! Che sia il primo successo, di una lunga serie, ma per il momento godiamoci quest’emozione che non ha voce ma ha un nome: Serie D".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca