Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:17 METEO:VOLTERRA6°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, la lezione di Burioni: «Il vaccino ha salvato 500 mila vite in Europa. Vogliatevi bene e vaccinatevi»

Attualità venerdì 29 luglio 2016 ore 15:35

Verso una nuova Rems

La nuova Rems vede finanziamenti per 10 milioni di euro

L'edificio sorgerà nel parcheggio dell'ospedale. Investimenti fino a 10 milioni di euro. A novembre potrebbe partire la gara per i progetti



VOLTERRA — Mentre ancora ferve il dibattito sulle condizioni di lavoro all'interno della Rems Volterrana, dopo alcuni episodi di violenze ai danni degli operatori infermieristici, il lento processo per realizzare una nuova struttura procede e si avvicina a un punto di svolta: l'indizione di una gara per la scelta del miglior progetto.

"Ci vorrà del tempo - premette Massimo Malfetti, responsabile dell'ufficio tecnico di Asl per Volterra - ma speriamo di poter indire la gara già a novembre, in modo da visionare i progetti con l'inizio del 2017". L'iter - faticoso, come tutti quelli che riguardano la concretizzazione di importanti opere strutturali - è quindi sulla strada dell'attuazione.

"A scegliere il progetto vincente sarà un'apposita commissione formata da professionisti nel campo dell'ingegneria e della sanità - informa ancora Malfetti - quindi si dovrà procedere con lo sviluppo del progetto, uno step alla volta, fino alla sua esecutività".

Sul piatto ci sono già 10 milioni di euro, gran parte dei quali stanziati dal Ministero, mentre un'altra quota (circa 500mila euro) arriverà dalla Regione Toscana. La nuova Rems sorgerà nell'area compresa fra l'attuale parcheggio dell'ospedale e il padiglione pericolante dell'ex manicomio (conosciuto come Livi) che dovrà essere demolito.

Intanto il sindaco di Volterra Marco Buselli torna sull'argomento dell'attuale Rems, con tutte le sue problematiche in termini di sicurezza: "Un grosso rischio era rappresentato dai percorsi intra ed extra ospedalieri - spiega Buselli - perché la conferenza stato-regioni ha abolito la presenza di polizia penitenziaria durante tali spostamenti. Il prefetto si è tuttavia impegnato a emanare un ordine di servizio per garantire i trasferimenti sotto la supervisione delle forze dell'ordine locali".

"In questo senso sarebbe necessario implementare il commissariato locale - aggiunge il sindaco - una richiesta in tal senso è stata avanzata sia dal sottoscritto che dal direttore di Rems e del sindacato di polizia".

Filippo Bernardeschi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
​I nuovi contagiati dal coronavirus risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera e nel comprensorio del Cuoio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità