QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°18° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 22 ottobre 2019

Attualità mercoledì 19 aprile 2017 ore 17:50

Viale Trento e Trieste cambia nome

Viale Trento e Trieste

La strada che porta alle scuole sarà intitolata a Lorenzo e Antonietta Lorenzini, Giusti fra le Nazioni. L'iniziativa voluta dal gruppo Emergency



VOLTERRA — Il gruppo Emergency di Volterra è felice di annunciare che è stata favorevolmente accolta la loro recente richiesta presentata al sindaco di intestare una strada ai coniugi Lorenzo e Antonietta Lorenzini , insegnanti elementari di Volterra, insigniti il 24 marzo 2010 dall’Istituto Yad Vashem (Ente nazionale per la Memoria della Shoah di Israele) del titolo di Giusti fra le Nazioni.

Il titolo onorifico è stato loro assegnato per avere, negli anni 1943/44, nascosto per mesi, aiutato e di fatto salvato la vita, al loro amico ebreo Emerico Lukacs, medico odontoiatra, il cui nome figurava nella lista della milizia volterrana fra le persone da arrestare. I coniugi Lorenzini hanno fatto questo del tutto spontaneamente, senza neanche forse rendersi pienamente conto di compiere un gesto eroico, pericoloso e tutt’altro che scontato, un gesto rimasto sconosciuto per molto tempo anche alla maggior parte dei volterrani, protetto dal naturale riserbo della famiglia. I loro nomi adesso si trovano iscritti sul muro d’Onore dell’Istituto Yad Vashem a Gerusalemme, insieme a quello di Giorgio Perlasca, Mario Canessa, Gino Bartali e pochi altri italiani.

"Ci è sembrato importante - hanno spiegato da Emergency - sottolineare con forza il loro gesto, la loro “banalità del bene”, parafrasando Hannah Arendt, dedicandogli il viale che portava alle scuole elementari di San Felice dove Antonietta Lorenzini ha insegnato per molti anni, l’attuale viale Trento e Trieste. Un atto simbolico, per ricordare un gesto spontaneo, nonviolento, di disobbedienza civile, per dimostrare che un’alternativa alla violenza c’è , ma deve per prima cosa maturare nelle menti delle persone e anche la semplice toponomastica di una città può contribuire a coltivarla, a maggior ragione se la strada che porterà il loro nome, si affaccia ancora sui principali poli scolastici della città, costituendo un esempio di umanità e coerenza alle proprie idee per le generazioni future".



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Sport

Attualità