QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 22 novembre 2019

Cultura martedì 24 gennaio 2017 ore 10:35

Il triangolo stradale dei pittori

Nel cuore di Volterra le vie dedicate a tre grandi artisti si incrociano e si uniscono come a sottolineare un percorso di lavoro e di vita



VOLTERRA — Ad accomunare Daniele Ricciarelli, Baldassarre Franceschini e Francesco di Neri non sono soltanto le loro origini volterrane o le loro attività lavorative. I tre pittori, infatti, pur vivendo in epoche diverse, si trasferirono lontano dalla loro città natale, mantenendo, però, un legame profondo e ben saldo con le proprie origini. Percorsi di vita simili e paralleli che, a distanza di secoli, hanno trovato un punto di incontro, o meglio, di incrocio.

A unire i loro destini, infatti, ci ha pensato l’odonomastica cittadina. Le tre vie a loro intitolate, infatti, si intersecano fino a formare un triangolo isoscele stradale con al vertice la chiesa di San Cristoforo. Figura geometrica, che fatalmente, è un elemento centrale nelle loro opere perché richiama il numero tre, quello della trinità, della sacra famiglia e della struttura delle raffigurazioni legate molto spesso alle virtù teologali: fede, speranza e carità. Il triangolo, in arte, è anche simbolo della freccia e del movimento, un dinamismo che richiama anche la moderna segnaletica stradale.

Tre punti, se uniti, possono sempre dare vita a un triangolo, ma ci sono casi in cui è possibile pensare che al mondo esista, per onorare l’arte e l’attaccamento alla propria terra, un legame che va al di là del semplice caso. 

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag

Elezioni Regionali, Di Maio: «Il Movimento non ha paura, correremo da soli»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica