Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA11°19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morti Covid: dove mettere il miliardo di euro in pensioni che l'Inps risparmia ogni anno

Spettacoli giovedì 05 novembre 2015 ore 16:10

Volterrani attori nel segno di Pasolini a Bologna

Successo per la maratona Pilade/Pasolini nella città natale dell'intellettuale: lo spettacolo con i cittadini dalla Salina Locatelli alla Pensilina Nervi



VOLTERRA — Archivio Zeta è la compagnia su cui Armando Punzo e il Festival VolterraTeatro hanno scommesso due anni fa, affidando prima il progetto “La Ferita, Logos-Rapsodia per Volterra” e quest'estate la riscoperta dei luoghi vicini all'infinito della Val di Cecina quali il Camposanto vecchio di Montecatini V.C., le fumarole di Sasso Pisano (Castelnuovo V.C.), la cima mozzafiato della Rocca Sillana di Pomarance. Il loro lavoro sul testo “Pilade” di Pasolini con i cittadini attori di Volterra in scena, insieme agli incontri del progetto “Una bestemmia alta, dolce, ragionata”, hanno registrato un grande successo a Bologna.

Negli scorsi giorni, infatti, Gianluca Guidotti e Enrica Sangiovanni, le due anime della compagnia, sono stati protagonisti delle iniziative che Bologna, città che ha dato i natali a Pasolini, ha dedicato al mai troppo compianto poeta, scrittore, drammaturgo e regista in occasione delle celebrazioni per i quarant'anni dalla sua prematura scomparsa

Il progetto, curato in maniera esemplare da Rossella Menna, enfant prodige cresciuta professionalmente proprio con Carte Blanche, ha animato per un'intera settimana il capoluogo emiliano, culminando con gli appuntamenti dello scorso fine settimana: la presentazione del documentario in cui si ripercorrono le tappe di Pilade fino ai luoghi della Val di Cecina. Poi il primo novembre la lunga maratona in cui è stato presentato il trittico di spettacoli “Pilade/Parlamento”, “Pilade/Montagne” e “Pilade/Campo dei Rivoluzionari”. Quest'ultimo con protagonisti i cittadini-attori che hanno partecipato al laboratorio teatrale che Archivio Zeta ha tenuto a Volterra lo scorso inverno.

I volterrani hanno raggiunto Bologna già dalla sera del 31 ottobre così da poter effettuare le prove generali per lo spettacolo del giorno successivo e partecipare alla presentazione del documentario. Evento che ha visto tra i relatori anche il direttore artistico di VolterraTeatro Armando Punzo oltre ai rappresentanti delle istituzioni bolognesi e degli altri festival che hanno sostenuto il progetto, e per la definizione degli ultimi dettagli in vista della maratona del giorno successivo. Maratona che è cominciata nella prima mattinata e ha raggiunto il proprio apice nel pomeriggio proprio con l'episodio che ha visto protagonisti i cittadini-attori di Volterra. Quel “Pilade/Campo dei Rivoluzionari” che già questa estate aveva furoreggiato durante il Festival VolterraTeatro con la doppia replica nello scenario mozzafiato della salina Locatelli di Saline di Volterra, e i cui attori protagonisti furono gli stessi partecipanti al laboratorio annuale della compagnia e un folto gruppo di operai della Smith Bits insieme alle loro famiglie,alla cui drammatica condizione di sospensione e di rischio di perdita del lavoro era dedicata l'intera edizione del festival, e successivamente presso il Cimitero Monumentale di Carrara.

La replica bolognese ha avuto luogo presso la Pensilina Nervi, dove un pubblico attento, preparato e numeroso ha assistito all'emozionante recita. Una commozione generale ha accompagnato lo spettacolo, premiato da scroscianti applausi e che ha rappresentato il momento più alto di un progetto dalla qualità indiscutibile, probabilmente uno dei più interessanti e seguiti dell'intero anno teatrale. 

Un'enorme soddisfazione, quindi, anche per il Festival VolterraTeatro e per il territorio che rappresenta al di là delle parole di circostanza, testimoniato dalla vivida realtà delle cose. A ciò si aggiunga anche il pregio di avere in tournée di una propria produzione di punta per un progetto così importante, e l'enorme attenzione che si è creata attorno ad essa, a dimostrazione che il lavoro culturale svolto per e con il territorio richiede sicuramente grandi sforzi, ma restituisce anche un enorme valore sociale, culturale e promozionale: un investimento a tutti gli effetti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi casi di positività al coronavirus, seppur pochi, diventano un campanello d'allarme se rapportati alla popolazione residente
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca