Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Galatasaray-Lazio, la clamorosa papera di Strakosha: l'autogol regala la vittoria ai turchi

Attualità mercoledì 18 gennaio 2017 ore 15:00

La vita notturna al Classico

Un momento dell'iniziativa

Al liceo Carducci danze, musica, recitazione, divertimento e tanto entusiasmo per la “Notte Nazionale del Liceo Classico”



VOLTERRA — Entusiasmo, intensa ed ampia partecipazione, impegno ed allegria sono le parole-chiave per descrivere la Notte Nazionale del Liceo Classico a Volterra. L’evento, che si è tenuto il 13 gennaio contemporaneamente ad altri circa 400 licei classici di tutta Italia, è stata una festa nella festa per il liceo Carducci che sta celebrando gli 80 anni della sua fondazione.

L’iniziativa è stata preceduta, alle 15, da un recital all’interno del Museo etrusco “Guarnacci”: “I miti sulle urne etrusche: emozioni, sussurri, echi che giungono fino a noi”. Gli studenti attraverso letture sceniche, musica e canto hanno interpretato “emozioni, sussurri, echi” che emanano dai grandi personaggi di alcuni di quei miti: Ulisse colto nel momento in cui le sirene cercano di attrarlo con la dolcezza del loro canto; Edipo, con la sua inarrestabile ricerca della verità; Elena, Ecuba Cassandra e la sofferenza delle donne troiane destinate ad essere ridotte in schiavitù.

Alle 18 l’inizio della “Notte” all’interno della Scuola, con l’intervento e il saluto del Sindaco di Volterra, Marco Buselli, del Dirigente Scolastico, Gabriele Marini, di rappresentanti di enti e associazioni del territorio e con la partecipazione di un folto pubblico, che è andato sempre aumentando durante l’intera manifestazione.

Letture e danze hanno accompagnato gradualmente il pubblico nella sala del ‘convivio’: qui la danza di una giovane studentessa e del suo partner e a seguire i “Carmina Burana” intonati da un coro di studenti, accompagnati dalla musica sapientemente eseguita da altri, hanno accolto i partecipanti all’evento.

Il banchetto ha fatto gustare cibi elaborati secondo ricette dell’antichità: dalla Spanakopita, torta di spinaci tradizionale della cucina greca , alle Polpettine di carne di Apicio, dalla Polenta di farro al Maiale in salsa di vino, dalla Crema di cereali e fagioli – la Puls fabata di Plinio – al Libum, un pane alla ricotta, e alla cheese-cake di Catone

Canti, scherzi e tanta allegria hanno accompagnato fino alla mezzanotte, ora di chiusura della “Notte” scandita dalla lettura del Lamento di Danae del poeta Simonide, testo scelto a livello nazionale per chiudere l’evento.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Usl nordovest rassicura sul fatto che le ostetriche che andranno in pensione saranno regolarmente sostituite e non ci saranno carenze organiche
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità