Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA16°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 17 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 14 agosto 2015 ore 15:44

Parcheggi: in autunno il punto della situazione

Si pensa alle realizzazione di altri posti. Moschi invita anche i privati a realizzarli: "gli strumenti urbanistici consentono nuovi parcheggi"



VOLTERRA — "Il futuro sta nella diversificazione: servono parcheggi senza dubbio per i residenti, anche perché nelle città dove l'equilibrio, fragile con il residente è andato perduto, i centri storici sono andati via via spopolandosi e snaturandosi. E' proprio quello che vorremmo evitare con la scelta, coraggiosa, della sbarra in Vallebona, 230 posti (su oltre 3 mila tesserini per i residenti) che risponde a un esigenza precisa. Adesso serve però lavorare per redistribuire i flussi lungo tutte le principali Porte della città". 
Ad intervenire in una nota sulla questione parcheggi è l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Volterra Paolo Moschi che spiega così "la filosofia che sta dietro alle scelte compiute fino ad ora dall'Amministrazione comunale". 

Una questione, quella dei parcheggi e delle relative tariffe che sta tenendo banco in queste settimane a Volterra, con non poche polemiche.

E Moschi parla delle prossime mosse: "dai nostri contatti con le Forze dell'Ordine, risulta esserci la disponibilità per liberare i 17 posti riservati al Gioconovo che andrebbero destinati al turismo; d'autunno affronteremo poi la questione degli alberghi dentro le mura". "Continueremo a lavorare per la realizzazione di piccoli parcheggi liberi nella prima periferia, dove la conformazione della città lo permetterà - prosegue - Ma confidando anche nell'intervento di privati, poiché gli strumenti urbanistici lo consentono per nuovi parcheggi".

L'assessore affronta poi la questione dell’innalzamento delle tariffe: "pur non essendo una mia competenza diretta, occorre però sottolineare che ogni anno da qualunque Governo arriva un taglio nuovo; resta il fatto che le tariffe a Volterra rimangono più basse che da altre parti". "La volontà a riaffrontare in futuro l'argomento non manca  - precisa - però molto dipenderà dai trasferimenti dello Stato che ad oggi mettono a serio rischio la sostenibilità dei servizi"

"D'autunno sicuramente, verificata una fase di sperimentazione, ci siederemo a un tavolo con le associazioni di categoria e saremo pronti al confronto e all'ascolto - conclude - Cercando però di aggiungere e non di togliere, per un equilibrio, quello tra residente e turista, che rappresenta l'essenza di una città di qualità come Volterra".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Uno è stato registrato a Pomarance, gli altri tre in comuni del versante "Valli Etrusche". Il punto sui tamponi effettuati e sui vaccini
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Lavoro