Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:VOLTERRA16°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 01 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La gioia incontenibile di Laura Pausini per il Golden Globe

Attualità mercoledì 30 dicembre 2020 ore 12:07

Democrazia civica elogia la telemedicina

Telemedicina
Telemedicina

La lista di opposizione parla di "prospettiva importante per il miglioramento dell’assistenza medica sia in ambito pubblico che privato"



POMARANCE — Gli esponenti di Democrazia civica sono intervenuti per parlare di telemedicina e dell'importanza di valorizzare le strutture sanitarie pubbliche: "Ci fu molto stupore tra i presenti alla Conferenza indetta dall’Università della Terza età di Pomarance quando nel mese di Novembre 2019 relazionammo sulla implementazione della telemedicina nelle nostre Case della salute. Uno stupore che fu accompagnato però anche da un grande interesse ed una diffusa consapevolezza della sua importanza per migliorare notevolmente il servizio sanitario territoriale".

"La telemedicina, che ha il compito di facilitare la comunicazione tra il medico di famiglia e il paziente e tra i medici stessi permettendo grazie ai vantaggi offerti dalla telematica di raggiungere un maggior numero di persone soprattutto in zone periferiche, è un argomento che come Democrazia Civica abbiamo più volte ripreso e posto all’attenzione delle amministrazioni comunali e della direzione della Ausl sia in commissione sanità sia tramite comunicati stampa fin dal febbraio scorso. Oggi, valutata la sua importanza anche ai fini di contrastare la pandemia che stiamo attraversando, se ne sta parlando a tutti livelli, dal governo, agli amministratori locali e nella stessa Ausl, anche se, benché ciò rappresenti musica per le nostre orecchie, dobbiamo dire, come un vecchio proverbio, che dal dire al fare ci corre il mare. Infatti, mentre il servizio sanitario pubblico per ora ne parla (fatto di per sé già positivo), il settore della sanità privata è già pronto a fornire questo servizio (vedi alcune compagnie assicurative che hanno iniziato a promuovere il servizio di telemedicina anche tramite spot televisivi) e ad investire notevolmente nel settore. Vogliamo sottolineare questo fatto perché come Democrazia Civica, pur non avendo dubbi sul ruolo primario della sanità pubblica, siamo anche consapevoli come molti cittadini abbiano assicurazioni che comprendono anche aiuti sanitari e molti lavoratori dipendenti e pensionati abbiano aderito a fondi sanitari integrativi attraverso i quali vengono loro rimborsate parte delle spese mediche effettuate tramite la medicina privata".

"Accanto a questa, un’altra constatazione purtroppo da fare è quella delle molte carenze che i cittadini incontrano nel farsi curare dal servizio sanitario nazionale per cui sono costretti spesso a a ricorrere all’assistenza privata. Ciò ha portato e sta portando sempre più il settore privato ad organizzare servizi assistenziali integrativi a quello pubblico, anche attraverso il ricorso alla telemedicina. Ecco perché come Democrazia Civica invitiamo le Amministrazioni pubbliche,(Regione, Comuni ed Ausl) a fare su tutto questo una seria riflessione, altrimenti il divario tra cittadini che si possono curare perché ne hanno la possibilità economica e coloro che questa possibilità non l’hanno sarà sempre maggiore. Questa odiosa pandemia sta rendendo chiara a tutti la necessità, attingendo anche dalle risorse europee che arriveranno, di investire nelle strutture sanitarie territoriali pubbliche in modo consistente, rapido e deciso, con idee chiare ed approfittando appieno dei vantaggi che le moderne tecnologie ci offrono, tra i quali appunto la telemedicina".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità