comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 28 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, Baldanti: «Pochi tamponi fatti? Le accuse sono un'offesa»

Cronaca lunedì 05 settembre 2016 ore 17:45

Lo smartphone ti porta dritto al rave

Grazie alla tecnologia per organizzare feste clandestine basta mezza giornata. Denunce in arrivo per i partecipanti alla festa di sabato notte



POMARANCE — I carabinieri, nella notte tra sabato e domenica, stavano pattugliando alcune zone remote del territorio di Pomarance quando hanno sentito "dei rumori ovattati di sottofondo" come ha spiegato il maresciallo di Volterra Fausto Sarperi. I militari hanno iniziato ad avvicinarsi alla zona di Bulera e hanno trovato il rave in pieno svolgimento in un vecchio plesso Enel dove una volta c'erano delle serre. Il fabbricato adesso è di proprietà statale, la festa ovviamente non aveva le autorizzazioni necessarie. Senza elettricità, gli organizzatori hanno provveduto con gruppi elettrogeni autosufficienti.

I carabinieri che sono intervenuti alla festa clandestina sono quelli di Pomarance, Larderello e del nucleo radiomobile di Volterra. Il lavoro dei militari è stato quello di far defluire i partecipanti, tra 150 e 200 persone, in maniera tranquilla. Le operazioni si sono concluse all'alba. Al contempo le forze dell'ordine hanno provveduto a individuare il maggior numero di persone possibili: "La gran parte dei giovani presenti è stata identificata - ha chiarito Sarperi - abbiamo cercato di capire se qualcuno stesse male perché di solito in queste feste c'è consumo di sostanze stupefacenti, per fortuna non c'è stato bisogno di chiamare il 118".

Le denunce che verranno sporte saranno di diverso tipo per i partecipanti rispetto agli organizzatori. Il lavoro dei militari è stato anche quello di capire chi fossero appunto i fautori del raduno notturno. I partecipanti provenivano sia dalla Toscana che da altre parti d'Italia. 

I carabinieri hanno tenuto a precisare che il rave era stato organizzato in una zona molto isolata e se non fosse stato per l'orecchio attento dei militari nessun cittadino probabilmente si sarebbe accorto di niente.

Queste feste clandestine vengono organizzate su internet attraverso chat di gruppo e una volta stabilita la data viene inviato all'ultimo momento il luogo esatto della festa. Questo è possibile grazie alla tecnologia: "Gli organizzatori - ha spiegato Sarperi - inviano la posizione precisa ai partecipanti grazie alle mappe di Google". Trovare il luogo, seppur isolato, diventa facilissimo.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità