Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Galatasaray-Lazio, la clamorosa papera di Strakosha: l'autogol regala la vittoria ai turchi

Attualità giovedì 07 maggio 2015 ore 08:30

Salvare la Terra? La ricetta degli studenti

Cinquecento giovani toscani hanno illustrato progetti e proposte sulla sostenibilità del pianeta e il diritto alla pace a amministratori e associazioni



FIRENZE — Dodici scuole, oltre venti classi e circa cinquecento studenti si sono dati appuntamento ieri, 6 maggio, a Firenze per dire la loro ed avanzare anche qualche proposta concreta sulla sostenibilità del pianeta e il diritto alla pace. Tra i ragazzi che hanno partecipato ci sono quelli delle scuole superiori di Volterra, Rosignano Marittimo e Piombino.
Ieri, tutti insieme a Firenze, da metà mattina fino alle quattro e mezzo del pomeriggio,hanno avanzato proposte a volte semplici, come fare raccolta differenziata a scuola che pare, nonostante tutto, una pratica non troppo diffusa, ma anche proposte e progetti più ambiziosi, come ridurre lo spreco di cibo non solo a tavola ma durante tutta la filiera di lavorazione.

Ad ascoltare i quasi cinquecento giovani toscani c'erano amministratori pubblici ma anche rappresentanti di Banca Etica, World Fair Trade international, Oxfam, Cospe, Libertà e Giustizia e Comunità delle Piagge. Associazioni dunque impegnate sul fronte della cooperazione ma anche nel sociale. Infatti, oltre che di sostenibilità ambientale e del mondo, agricoltura e clima, diseguaglianze e povertà, si è parlato anche di costi della politica, rispetto degli altri, solidarietà, istruzione, immigrazione e legalità. Un confronto sulle proposte ma anche su quanto le istituzioni e le associazioni già stanno facendo.

E così, tra le idee, c'è chi propone di diversificare le produzioni e incentivare le filiere corte (che però non possono riguardare tutto), c'è chi dice di legalizzare la cannabis perché a quel punto il farne uso diventerebbe molto meno trasgressivo e forse si fumerebbe anche meno. C'è chi ha organizzato un percorso su nepotismo e meritocrazia assieme agli studenti, più anziani, del carcere circondariale della città e c'è chi ha provato a ragionare sul rapporto tra produzione di cibo nel mondo e riconoscimento di pari diritti ai lavoratori.

Quello di ieri è stato l'evento conclusivo di una serie di laboratori e percorsi educativi che hanno coinvolto le scuole da gennaio ad aprile, appendice dell'appuntamento annuale con il "Meeting dei diritti umani" organizzato a dicembre dalla Regione con giovani da tutta la Toscana. Due progetti distinti, uno sul clima e l'altro sui diritti, organizzato il primo in partenariato con l'associazione Oikos con il contributo del Ministero degli Esteri ed il secondo dalla Regione, come capofila, e finanziato dall'Unione europea.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Usl nordovest rassicura sul fatto che le ostetriche che andranno in pensione saranno regolarmente sostituite e non ci saranno carenze organiche
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità