comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 11°20° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 30 maggio 2020
corriere tv
Fase 2, ecco la prima «cupola» per andare al mare

Attualità sabato 09 maggio 2015 ore 04:50

Smith eccellenza del territorio: non deve chiudere

Grande partecipazione al consiglio comunale aperto sulla vertenza dello stabilimento di Saline: un coro unanime contro il colosso Schlumberger



VOLTERRA — "Stasera abbiamo scritto una piccola parte di storia". Lo ha chiuso così il sindaco di Volterra Marco Buselli il consiglio comunale aperto che si è svolto ieri sera, 8 maggio, al teatro Persio Flacco gremito. E' storia perchè accanto al primo cittadino della città etrusca ci sono un assessore regionale, Gianfranco Simoncini, e altri 13 sindaci di cui uno, Marco Filippeschi, è il presidente della Provincia di Pisa. C'è tutta la Val di Cecina e anche oltrePomarance, Montecatini Valdicecina, Monteverdi Marittimo, Castelnuovo Valdicecina, Riparbella, Castellina Marittima, Montescudaio, Guardistallo, Casale Marittimo, Cecina e anche Lajatico, Pisa e Casole d'Elsa. Al tavolo, sul palcoscenico, anche i sindacati e le rsu dello stabilimento.
Sono tutti lì a fianco di quei 193 lavoratori della Smith Bits di Saline di Volterra che la multinazionale Schlumberger lo scorso 27 aprile ha annunciato di voler chiudere. E in sala ci sono molti consiglieri comunali di maggioranza e opposizione dei vari Comuni, il Vescovo Alberto Silvani, i candidati alle regionali di vari partiti, i cittadini, i lavoratori con le loro famiglie. Una platea di circa 500 persone che ascolta attenta i vari interventi. 
Un coro unanime che ritiene inaccettabile la chiusura, senza se e senza ma, proposta dall'azienda che rappresenterebbe un dramma economico e sociale insostenibile per l'intera Valle: "la Smith è del territorio, è un'eccellenza, non c'è ragione di chiuderla, faremo di tutto per difenderla". Quello che da più parti viene ribadito come inaccettabile è l'assoggettamento alle logiche della borsa e del mercato internazionale di uno dei diritti fondamentali: il lavoro
Durante gli interventi si ripercorrono le tappe degli ultimi giorni: le manifestazioni, la grande solidarietà, l'incontro con l'amministratore delegato Giuseppe Muzzi, il vertice in Regione, il trasferimento di un ufficio della presidenza regionale a Volterra che seguirà la vertenza, i contatti a vari livelli con il governo. Si è anche ricordato come da quegli stessi lavoratori che ora rischiano di andare a casa sono stati creati gli scalpelli per liberare i famosi minatori del Cile intrappolati sottoterra nel 2010.
"Non vi lasceremo soli" ha detto Buselli ai lavoratori; le istituzioni sono in gioco, soprattutto per cercare un coinvolgimento a livello nazionale. L'assessore Simoncini ha ricordato che martedì 12 il governatore Enrico Rossi andrà a Roma dal Ministro Federica Guidi per parlare della vicenda Smith. L'azienda, probabilmente la prossima settimana, incontrerà la Regione e le rappresentanze sindacali: i prossimi saranno altri giorni decisivi, ma la strada è ancora lunga. "Lo scorso anno abbiamo firmato con la Smith un protocollo d'intesa che parlava di investimenti - ha detto l'assessore regionale - c'è qualcosa che non torna e chiederemo all'azienda di ritirare la lettera di mobilità e di darci il tempo per trovare una soluzione. Poi, se se ne vogliono andare, facciano pure, ma ci diano il tempo per trovare acquirenti: Rossi si è mosso con Eni, Enel e General Electric come possibili alternative, ma per fare questo serve tempo".
A "Saline c'è la Ferrari dello scalpello" ha spiegato Marcello Franchi segretario provinciale Fiom Cgil: "non ci possiamo permettere di perdere tra 250mila e 300mila euro al mese per il territorio della Valdicecina". Oltre ai 193 dipendenti di Smith, se si calcola anche l'indotto, i posti a rischio sono almeno 250. E Franchi ha ribadito che "nell'azienda fino a dicembre si facevano straordinari e non c'è ragione di chiuderla".
Claudio Garzotto, segretario provinciale Fim Cisl si inchina davanti ai lavoratori della Smith: "voi della val di cecina avete riportato la dignità del lavoro". Ma l'intervento che fa scrosciare più applausi è quello di Andrea Pagni, storico membro della Rsu della Smith Bits per il quale si alzano tutti in piedi. "Le motivazioni addotte da Muzzi per chiudere l'azienda - ha spiegato - sono la crisi del petrolio e l'inutilità dello scalpello a tre coni che facciamo a Saline, ma sono deboli e infondate". "Questa chiusura era stata premeditata e martedì a Pisa abbiamo trovato un Muzzi determinato, ma noi lotteremo un minuto in più di lui - ha aggiunto - E se facciamo così schifo a questo amministratore delegato, che ci metta in vendita! Siamo pronti, faremo valere la nostra professionalità e il nostro orgoglio". E i lavoratori, se le cose non dovessero cambiare, non escludono la possibilità di bloccare lo stabilimento anche con azioni dure.

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità