Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità giovedì 24 marzo 2022 ore 11:45

"Confcommercio, arroganza e toni minacciosi"

Il centro storico di Volterra (foto di repertorio)

Ennesimo episodio del battibecco tra Confesercenti e Confcommercio sulla reintroduzione del regolamento pre-Covid per le attività di somministrazione



VOLTERRA — "Confcommercio usa paroloni e toni minacciosi per nascondere una totale mancanza di contenuti ed una evidente scarsa rappresentatività". Tra Confesercenti e Confcommercio è ormai scontro totale sul ritorno al regolamento pre-Covid per le attività di somministrazione nel centro di Volterra in vista della scadenza dello stato di emergenza il prossimo 31 Marzo.

Dagli inizi del mese, infatti, sulla possibilità di ripristinare le regole di Marzo 2020 le due associazioni di categoria si sono ritrovate su fronti opposti. E tra un affondo e l'altro, stavolta è Confesercenti a replicare. "Confcommercio a Volterra come sempre si arrocca su posizioni strumentali e isolate - ha detto Claudio Del Sarto, coordinatore Valdicecina dell'associazione - sorridiamo poi quando sostiene di avere l’unanimità dei locali pubblici, considerato che spesso, anche nell’ultima riunione con il sindaco, usa numeri in libertà".

"Entrando invece nel dettaglio delle nostre posizioni, solo a Confcommercio sembrano giravolte verbali e per questo le ribadiamo. Per Confesercenti non è in discussione il ritorno al regolamento in vigore prima delle modifiche frutto della pandemia - ha spiegato - questo però vuol dire l’eliminazione dei cosiddetti tavoli di cortesia da parte di quelle attività che non hanno la somministrazione e che, quindi, non hanno titolo per offrire il servizio al tavolo come invece fa il pubblico esercizio".

"Chiediamo di prendere in esame la richiesta di suolo pubblico, con tutti i paletti già esistenti, sempre nei margini dei 3 metri quadrati come già previsto dal regolamento. Questo però deve escludere le attività che non sono di pubblico esercizio e che nel periodo Covid hanno lavorato con tavoli all’esterno in deroga al regolamento - ha concluso - non sarà certo il tono come sempre arrogante e scomposto dei soliti noti di Confcommercio a farci cambiare idea nelle prossime riunioni con l’amministrazione"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La consigliera pentastellata in Consiglio regionale Galletti presenterà un'interrogazione dopo il cedimento del ponte tra Canneto e Monteverdi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità